Il TAR respinge il ricorso tanto atteso dall’opposizione in Consiglio Comunale. Speranza aveva ragione; ha vinto secondo la legge e governa con la maggioranza dei consiglieri.

1 07 2010

Il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, ha espresso viva soddisfazione per la decisione del Tar di Catanzaro di respingere i ricorsi che esponenti dell’opposizione hanno presentato rispetto all’attribuzione dei seggi sul premio di maggioranza alla coalizione di centrosinistra nelle recenti elezioni comunali.

“La sentenza del Tar – ha detto il sindaco – conferma quanto da noi sostenuto nella campagna elettorale per il ballottaggio e mette definitivamente a tacere quanti avevano sostenuto il contrario. Adesso mi auguro – ha aggiunto – che in Consiglio comunale ciascuno per la propria parte si impegni e si adoperi affinche’ in questi cinque anni prevalga il bene della citta’, per la sua crescita e il suo sviluppo archiviando una volta per tutte inutili polemiche”.





Solidarietà da Vendola al Sindaco ed ai giudici minacciati dalla ‘ndrangheta con 5 proiettili

6 05 2010

“La nostra più profonda solidarietà a Gianni e ai magistrati oggetto del’intimidazione odierna. Le esperienze antimafia sono il cuore della nuova politica nel Mezzogiorno d’Italia”.
E’ quanto afferma Nichi Vendola, Governatore della Puglia nonchè portavoce nazionale di Sinistra Ecologia Libertà, dopo aver appreso dell’ennesima intimidazione compiuta nei confronti del sindaco di Lamezia, Gianni Speranza, e di alcuni giudici con l’invio di una busta con proiettili.





LEGALITA’: DICHIARAZIONE INTENTI SINDACI PERUGIA E LAMEZIA TERME

21 04 2010

I sindaci di Perugia e Lamezia Terme, Vladimiro Boccali e Gianni Speranza, hanno sottoscritto una “dichiarazione di intenti” in materia di legalità e lotta alla mafia, sottolineando la “comune volontà di realizzare una serie di iniziative”. Nella dichiarazione Boccali e Speranza sottolineano “il carattere prioritario nazionale della lotta contro tutte le mafie e per la piena affermazione della legalità e l’importanza dello sviluppo economico e sociale del Mezzogiorno e dei suoi territori. C’é inoltre da considerare la valenza concreta ed istituzionale di un rapporto di partnership tra governi locali e territori al fine di creare opportunità per lo sviluppo locale e per I’affermazione e diffusione di buone pratiche amministrative a sostegno dello sviluppo locale”.
Viene inoltre rilevata “l’importanza di creare occasioni di collegamento e di interscambio tra la vita civile delle nostre città e dei nostri territori al fine di superare ogni barriera di pregiudizio e diffidenza e di creare, al contrario, una nuova coscienza e consapevolezza dell’identità nazionale in particolare tra le nuove generazioni”.
I Comuni di Perugia e Lamezia, secondo quanto è detto nella dichiarazione d’intenti, “attiveranno tutte le azioni necessarie alla diffusione della cultura della legalità e all’interscambio delle buone pratiche, sia nel contesto istituzionale che della società civile; sosterranno le iniziative di interscambio tra scuole, tra università e tra organizzazioni giovanili, e l’interscambio tra istituzione e organizzazioni culturali delle due città e promuoveranno la collaborazione istituzionale tra i due comuni e tra le istituzioni che insistono nei rispettivi territori”. Sarà poi garantito un “sostegno alle istituzioni e alle imprese per l’interscambio di iniziative di sviluppo locale nei due territori”.





Per il ballottaggio si vota domenica e lunedi. Quasi 62.000 cittadini al voto

11 04 2010

Al voto: oggi e domani sono chiamati, in 78 sezioni, 61.524 lametini (31.739 femmine e 29.785 maschi). I seggi, si apriranno, oggi alle 8 e si chiuderanno alle 22. Domani, dalle 7 alle 15. A seguire la fase di spoglio. Nessuna pausa è quindi prevista dopo le operazioni di voto. La terza città della Calabria, domani in tarda serata, potrebbe sapere chi sarà il sindaco che governerà la città nel prossimo quinquennio.
Un ballottaggio che vede in competizione il sindaco uscente Gianni Speranza per il centro sinistra e Ida d’Ippolito, parlamentare del Pdl per il centro destra. L’amministrazione comunale ha messo in moto la macchina organizzativa per lo svolgimento del voto ed in tal senso è stato rafforzato il servizio di accompagnamento per le persone con handicap e i cittadini con problemi di mobilità. Tutti coloro che ne faranno richiesta potranno essere accompagnati ai seggi sia per la giornata di oggi che domani, al mattino: negli orari 9./13 e il 15/19. Per informazioni chiamare il numero del servizio mobilità: 335 1821519. Inoltre, oggi e domani, proprio in concomitanza delle giornate elettorali, l’amministrazione comunale, nella sala conferenze ubicata nei locali del comune in località Maddamme, ha predisposto una sala stampa per accogliere i giornalisti e le testate televisive e nella stessa area – opportunamente divisa – potranno accedere sia i cittadini che i candidati.
Il servizio, considerando l’importanza che rivestono soprattutto le consultazioni comunali, coinvolge precipuamente due diversi settori, vale a dire quello dei servizi informativi e l’altro relativo alla comunicazione e informazione per la diffusione dei dati elettorali.Il coordinamento, gestito dal dirigente e vedrà impegnato il responsabile dell’ufficio stampa che gestirà l’area dove saranno impegnati i giornalisti e le testate televisive.
La parte tecnica, relativa all’installazione dei computer e del programma in grado di visualizzare i dati elettorali, è stata curata dal responsabile dei servizi informativi. «Molteplici i compiti che saranno assolti, nella particolare contingenza – indica l’amministrazione -dal rilascio degli accrediti, alle relazioni con gli organi di stampa; dalla gestione delle informazioni richieste dai fruitori della sala e dai giornalisti, al rilascio dell ‘accredito avanzato sulla tabella predisposta dei giornalisti che utilizzeranno i personal computer messi a disposizione dal Comune. Per garantire precisione e tempestività nella proiezione dei dati – chiarisce – non sarà consentito a nessun candidato, rappresentanti di lista o chiunque altro presente in sala di accedere nell’area stampa o nella postazione riservata per la gestione della proiezione video». Oltre alle postazioni per i giornalisti della carta stampata, è stata predisposta all’interno dell’area un’apposita postazione per eventuali interviste a caldo dei candidati e in altra area, collocata all’esterno, un salotto per una eventuale diretta televisiva a disposizione di tutte le testate. «Lo sforzo organizzativo è stato dettato – specifica l’amministrazione -dall’esigenza di fornire un servizio significativo agli organi della carta stampata e delle televisioni e, parimenti, consentire alla cittadinanza e ai candidati coinvolti nella competizione elettorale di seguire minuto per minuto l’evolversi dei dati».





Si ricontano i voti delle Comunali di Lamezia. Speranza potrebbe vincere ballottaggio e maggioranza dei seggi?

2 04 2010

Riconteggio dei voti e verifiche delle schede elettorali nei seggi presso Edificio Scolastico “Maggiore Perri” a Lamezia Terme. Da questa mattina, gli uomini della guardia di finanza stanno presidiando i seggi di corso Giovanni Nicotera, dove all’interno si stanno verificando tutte le schede delle 10 sezioni, a seguito di alcune denunce presentate dai rappresentanti di lista che hanno ravvisato delle anomalie. Oltre alle schede si stanno verificando anche i verbali redatti durante le operazioni di voto del 28 e 29 marzo scorsi.





Sondaggio Unical: Speranza confermato Sindaco dopo il ballottagio con Grandinetti. Cocente sconfitta per la D’Ippolito

17 01 2010

Stampa Invia ad un amico Commenta nel Forum Articolo Letto 15 volte

Lamezia Terme – Per le amministrative di marzo,al primo turno, il sindaco uscente Gianni Speranza sarebbe nettamente favorito tra tutti i candidati alla carica di primo cittadino di Lamezia.
Di più Speranza andrebbe al ballottaggio con Francesco Grandinetti del Terzo Polo, mentre resterebbe fuori Ida D’Ippolito candidato a
sindaco del centrodestra.

Questo il quadro che emerge da un sondaggio effettuato dal Dipartimento di sociologia e scienza politica dell’Università della Calabria. Il sondaggio è stato commissionato da Sinistra e Libertà di Lamezia ed è stato realizzato circa 15 giorni fa, più precisamente tra il 28 dicembre e il 30 dicembre. Il numero degli intervistati è di seicento residenti a Lamezia . La modalità di raccolta delle informazioni è basata su un questionario a domande chiuse. Nel primo quesito si chiede ai cittadini intervistati «Se si dovesse votare domani per l’elezione del sindaco, quali tra le seguenti personalità di Lamezia lei voterebbe con più probabilità?» Nelle opzioni ci sono D’Ippolito, Grandinetti, Speranza, Reillo, Molinaro, De Sarro, Mazzocca. (Ricordiamo che a quella data Speranza non aveva ancora dato l’adesione alle primarie del centrosinistra). Ebbene secondo questo sondaggio il sindaco uscente stacca tutti e raccoglie il 32,9 dei consensi degli intervistati, Grandinetti è secondo con 11,8 e terza la D’Ippolito con l’8,8. A seguire l’udiccino Mazzocca cn 2,5, Reillo con 2,3, De Sarro 1,7 e Molinaro1,4. Da notare però l’alto numero degli indecisi: il 23% e quello degli intervistati che rispondono che non voterebbero nessuno tra quei nomi pari al 14, 7. L’altro quesito riguarda il ballottaggio. Ai cittadini intervistati vengono presentate diverse ipotesi chiedendo loro chi voterebbero con più probabilità. Dunque, in caso di ballottaggio Grandinetti contro Speranza: il primo raggiungerebbe il 26,7, mentre il sindaco uscente vincerebbe nettamente con il 40,3. Il 20,9 risponde però risponde “non so”, e il 12,1 dice “nessuno”. Speranza vincerebbe al ballottaggio anche contro la D’Ippolito. Anzi stavolta la forbice sarebbe perfino maggiore. Infatti Speranza doppierebbe la D’Ippolito. 44,5 contro 22,8. Poche variazioni sugli indecisi. Non sceglie alcun nome il 12,1 e dice di non sapere chi votare il 20,9. La terza proiezione era stata pensata, per una allora possibile sfida tra Speranza e Reillo. Il 44,5 dichiarava di essere per Speranza e solo il 14,8 per la Reillo. Sale il numero degli indecisi a 24,7 e quelli che non si pronunciano a 14,9.
E’ ovvio che l’accettazione delle primarie di Speranza ha di fatto escluso questa ipotesi di ballottaggio. In ogni modo il duello tra il sindaco uscente e l’esponente del Pd ci sarà, ma sarà interno: quello delle primarie del 7 febbraio. Anzi la partita è a tre perché per la candidatura a sindaco del centrosinistra corre anche l’ex segretario cittadinadel Pd Chiara Macrì.





Auguri di Natale dal Sindaco Gianni Speranza

25 12 2009

Il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, come è ormai sua tradizione, domani, vigilia di Natale, sarà in visita alla casa circondariale San Francesco alle ore 16, dove parteciperà alla Santa Messa. Il giorno di Natale dalle 9.00 alle 11.30, invece, si recherà all’ospedale “Giovanni Paolo II” e, accompagnato dal dirigente sanitario, visiterà i pazienti ricoverati nei vari reparti, a cominciare da quello di Pediatria.
“Invio i miei personali ed affettuosi auguri – ha detto il sindaco – e quelli dell’Amministrazione comunale a tutta la comunità di Lamezia Terme. Auguro un sereno Natale da trascorrere in armonia con le persone più care e un nuovo anno di serenità e di pace. Mi rivolgo soprattutto alle fasce più disagiate e deboli della nostra città, agli anziani, alle famiglie povere, a chi è solo e non ha affetti, a chi soffre, a chi è malato, a chi è afflitto da grossi dispiaceri familiari, a chi non ha lavoro, a chi è straniero e viene discriminato, a chi vive momenti di angoscia e tristezza. A loro auguro di vincere questi momenti di difficoltà e dolore e spero che le amministrazioni, oggi con sempre meno risorse disponibili, siano sempre più vicine e attente alle problematiche degli ultimi. Auspico per loro un futuro migliore, affinché ciascuno possa finalmente sorridere alla vita, superare lo sconforto e la disperazione, e ritrovare la gioia ”.





Anche la Lo Moro si schiera contro il Sindaco Speranza?

18 10 2009

Un luogo di confronto democratico, di formazione e d’interazione con il mondo dell’associazionismo e con tutta la società civile. Non un partito ma un gruppo di persone impegnate che, comunque, si occuperanno di politica in quanto vorranno prendere parte attiva alla vita della comunità lametina e calabrese in genere. Queste le caratterische e le finalità di “Voleressere”, l’associazione che vede come presidente la parlamentare del Partito democratico Doris Lo Moro.
La nuova realtà che opererà sul territorio locale e anche su quello regionale è stata presentata ieri mattina nella sala consiliare di corso Numistrano, alla presenza dei soci fondatori del nuovo organismo e di molti altri sostenitori.
Lo Moro ha subito fugato dubbi e perplessità precisando che l’associazione non diventerà una lista civica da presentare alle prossime elezioni amministrative. “Voleressere” non la sosterrà per la candidatura a sindaco ipotizzata da molti, perché la poltrona di primo cittadino non è il suo obiettivo.
Nessuna similitudine, quindi, con l’esperienza vissuta nel 1993 con “Alleanza per Lamezia”, la lista civica che sostenne Doris Lo Moro in occasione della sua prima elezione a sindaco. «Sono due contesti storici diversi», ha detto la parlamentare, «l’associazione appena nata e la lista civica di allora hanno comunque in comune l’obiettivo di voler contribuire alla crescita di Lamezia che è ancora una città in difficoltà. Anche se l’amministrazione è rimasta in piedi cinque anni», ha evidenziato Lo Moro, «non siamo nelle condizioni di poter dire che i problemi non ci siano».
La presidente di “Voleressere”, parlando a nome anche degli altri soci, ha detto che il nuovo sodalizio «non ha dato un giudizio di piena soddisfazione sull’attuale situazione cittadina». Da qui l’idea di scendere in campo in un momento molto delicato «in cui sembra che centri solo l’avere e non l’essere. Apparenza sempre più spesso nella società in cui viviamo vuol dire clientela, potere del denaro. Per quanto riguarda l’associazione, l’unico potere che c’interessa è quello delle idee».
“Voleressere” parte da Lamezia ma vuole estendersi su tutto il territorio calabrese, mettendo a disposizione della collettività i saperi e le competenze dei suoi sostenitori. L’associazione avrà anche una sezione giovanile con un portavoce perché «siamo consapevoli», ha affermato Lo Moro, «che è necessario un nuovo protagonismo per le giovani generazioni. L’emergenza giovanile è una problematica all’attenzione della politica nazionale e quindi non potevamo non occuparci di questo tema che ci sta tanto a cuore».
I temi e i problemi che l’associazione affronterà saranno quelli che più interesseranno l’intero Paese e la Calabria. «Ci occuperemo di ambiente, educazione e formazione per le nuove generazioni e di altro ancora», ha dichiarato la socia Saveria Sesto, «lo faremo in modo concreto, rimanendo sempre ben radicati sul territorio».
Il coordinatore dell’associazione Giuseppe Moraca ha ribadito che «ogni luogo ha bisogno di punti di riferimento, di figure carismatiche». Da ciò la decisione di scegliere Doris Lo Moro come leader del nuovo sodalizio, «una donna che ha compiuto un ampio percorso politico a tutti i livelli». Insieme, presidente e sostenitori, hanno insistito sul fatto di voler «andare oltre l’ambito circoscritto dei partiti, per essere una voce libera di idee e di valori».

IL COMMENTINO DI TUTTOSULAMEZIA
Lasciateci ora commentare esprimendo un nostro parere (forse non dovuto): questi sono i mali della Sinistra italiana. Lotte interne, contrasti, dissidi, homo homini lupus.
Peccato, forse la Citta’ perde un’ulteriore occasione di buon governo….