Le navi dei veleni potrebbero essere ben 55!

27 09 2009

magistratura

Le voci si rincorrono e, di conseguenza, aumentano la tensione. Il caso, ormai nazionale, delle navi dei veleni, come è noto, è approdato anche sui tavoli romani. Secondo il quotidiano Calabria Ora, in edicola oggi,
sarebbero cinquantacinque le “navi a perdere” che avvelenano i mari calabresi o che rischiano di avvelenarli. Il dato, infatti, questa volta ha una fonte ufficiale: lo ha riferito l’ammiraglio Bruno Branciforte al Copasir, Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica presieduto da Francesco Rutelli. È solo un “assaggio” della relazione più dettagliata che il nuovo capo dell’Aise (ex Sismi) dovrà illustrare nella prossima settimana davanti allo stesso Copasir.
Secondo l’ammiraglio Branciforte i siti nei quali si troverebbero le navi sarebbero stati segnalati in passato alla

Annunci




Trovata nave affondata al largo di Cetraro. Si vedono fusti forse radioattivi?

13 09 2009

Grazie ad un robot che trasmette immagini in superficie e’ stato individuato il relitto di un mercantile al largo di Cetraro (Cosenza). La nave presenta uno squarcio sulla prua dal quale sono visibili alcuni fusti schiacciati. Lo squarcio e’ compatibile con il racconto di un collaboratore di giustizia ai magistrati della Procura di Paola. L’uomo aveva parlato di una nave con 120 fusti di scorie radioattive fatta affondare facendo esplodere una carica a prua.