Ruggero Pegna scrive a Loiero: “Il bando regionale per il finanziamento di eventi culturali esclude le imprese e le cooperative private”

6 07 2009

Il promoter Ruggero Pegna ha reso noto di avere scritto al presidente della Regione, Agazio Loiero, lamentando che nel bando in scadenza il 20 luglio dell’assessorato regionale alla Cultura “per la selezione e il finanziamento di eventi culturali a sostegno della qualificazione e del rafforzamento dell’attuale offerta culturale presente in Calabria” vengono discriminate le imprese e le cooperative private.

“Presidente Loiero – afferma Pegna nella lettera -, le scrivo da operatore calabrese della cultura e dello spettacolo, ma anche da dirigente nazionale dell’associazione degli organizzatori e produttori di spettacoli dal vivo, che raccoglie tutti i maggiori professionisti italiani della categoria. Sono certo che lei recepirà e condividerà le ragioni del mio intervento.

Ancora una volta, l’assessorato regionale alla Cultura, attraverso un bando elaborato dai suoi dirigenti, finalizzato alla storicizzazione dei migliori eventi, manifesta una discrezionalità di criteri inaccettabile dai maggiori operatori regionali del settore e oggettivamente in contrasto con le indicazioni del Por Calabria 2007/2013″.

Secondo Pegna, “in tali indicazioni dettate chiaramente dalla Comunità Europea, a cui questo bando fa riferimento, c’é la seguente direttiva che riporto testualmente: ‘Sostenere lo sviluppo di attivita’ imprenditoriali all’interno delle filiere della valorizzazione del patrimonio e della produzione culturale, anche attraverso imprese e loro consorzì.

Questa è l’ ennesima, sistematica esclusione di privati, imprese, aziende e cooperative dalla possibilità di partecipare. E’ una discriminazione incomprensibile che getta, ancora una volta, un’ombra di poca trasparenza sull’operato dell’intera struttura di tale assessorato.

Chiedere progetti di alta qualità, esperienza, professionalità e, allo stesso tempo, escludere le massime espressioni del settore, è un’evidente contraddizione, peraltro in contrasto con le direttive dello stesso Por e con le logiche, anche occupazionali e produttive, connesse a qualsiasi processo di promozione e sviluppo, compresi quelli della cultura e degli eventi.

La selezione deve avvenire sulla qualità dei progetti, l’affidabilità, su requisiti di eccellenza e non, a priori, sulla base della natura giuridica dei proponenti. A tale proposito, non le sfuggirà certamente che, in un Paese civile, le imprese sono il soggetto più importante e qualificato della filiera produttiva.

Un professionista, per operare nel rispetto di ogni aspetto giuridico-fiscale, ha l’obbligo di costituire un’impresa. Tale valore aggiunto in questo bando viene letto paradossalmente come punto a sfavore, al punto da essere motivo di discriminazione ed esclusione, autentica beffa per chi negli anni ha investito con propri sacrifici e risorse, garantendo alla Calabria i principali eventi di cui la collettività e la regione hanno usufruito”.

“Presidente Loiero, come lei certamente intuisce – aggiunge Pegna nella lettera – si tratta di un altro grave abbaglio della macchina amministrativo-burocratica di questo assessorato che rischia di far ricadere sulla gestione politica, secondo me estranea alla vicenda, ogni responsabilità, anche morale. Si eviti, ancora una volta, di far parlare in Calabria di un nuovo caso di malapolitica ed utilizzo clientelare di ingenti risorse.

Non sono qui a chiedere privilegi o favoritismi a nome dei principali professionisti del settore, ma soltanto che si rispetti il più elementare dei loro diritti, cioé di essere ammessi a partecipare ad un bando pubblico, come correttezza, trasparenza, aspetti giuridico-fiscali e direttive europee, indicano in modo inequivocabile”.

“Sono certo – conclude Pegna nella lettera a Loiero – che vorrà con urgenza intervenire per bloccare l’iter di questo bando che, agli occhi dell’intera categoria e delle eccellenze regionali del settore, risulta come un atto grave, lesivo e mortificante”.

(Ansa)

Annunci




Presentazione Demofest 2009

30 06 2009

Domani si terrà la conferenza stampa di presentazione del “LAMEZIA DEMOFEST 2009 – The best of the year” – IV edizione del Festival/Fiera della Nuova Musica del Mediterraneo e finale nazionale di “Demo l’Acchiappatalenti” di Rai Radio Uno, organizzazione Comune di Lamezia Terme e Show Net srl, in collaborazione con Assessorato al Turismo Regione Calabria, Provincia di Catanzaro, Camera di Commercio di Catanzaro, Lamezia Multiservizi, alle ore 12.00 presso la Sala delle Riunioni del Comune di Lamezia Terme in via Perugini. Parteciperanno il Sindaco, Autorità Regionali e Provinciali.





23 e 24 Luglio torna a Lamezia DEMOFEST

22 06 2009

Si svolgerà nei giorni 23, 24 e 25 luglio a Lamezia Terme la quarta edizione del “Lamezia Demofest – The Best of The Year”, finale nazionale di “Demo l´Acchiappatalenti” di Michael Pergolani e Renato Marengo, programma “culto” della nuova musica italiana indipendente in onda ogni giorno su Rai Radio Uno. Il Villaggio Musicale Urbano più grande d´ Italia in cui si effettua la manifestazione, che ospita in contemporanea anche la Fiera delle Etichette Indipendenti del Sud in collaborazione con Audiocoop, è stato visitato in tre edizioni da oltre duecentomila persone. Oltre trecento i giovani musicisti provenienti da tutta Italia e dall´estero che, insieme a numerosi big della musica d´autore, hanno dato vita su due palcoscenici a concerti non stop ogni notte dalle 19.00 alle 3 del mattino. A Lamezia Terme, anche quest´anno, sul Palco principale arriveranno i dieci migliori gruppi della nuova musica italiana selezionati da “Demo” per contendersi il titolo di “The Best of the Year” – Migliore nuova proposta italiana dell´anno”, vinto lo scorso anno dalla band italo-albanese dei Neglizi e Mr. Tuka e negli anni precedenti dai Mame Cheikh & Senegal Ritmo e dai Capatosta di Napoli. Oltre al titolo più prestigioso saranno assegnati altri premi alla migliore voce, al miglior gruppo, alla migliore proposta etnica, alla migliore proposta rap, alla migliore band del Sud. La giuria sarà composta come al solito da prestigiosi nomi del giornalismo musicale italiano ed avrà come Presidente per il secondo anno consecutivo Giancarlo Passarella di Musicalnews. La fortunata manifestazione divenuta in soli tre anni uno dei maggiori appuntamenti della nuova musica italiana è promossa dal Comune di Lamezia Terme ed è organizzata dalla Show Net di Ruggero Pegna in collaborazione con Palco Reale di Gianni Sergio, Assessorato al Turismo della Regione Calabria, Provincia di Catanzaro. A breve saranno ufficializzati anmche i nomi dei super ospiti. Tra i big delle precedenti edizioni anche Teresa De Sio, Toquinho, Enzo Gragnaniello, Piotta, Napoli Opera, Eugenio Finardi, Simone Cristicchi, Fabrizio Moro, Parto delle Nuvole Pesanti, Francesco Baccini, Orchestra di Piazza Vittorio, Fabri Fibra e Paolo Belli.





Etnica Lamezia Festival

18 06 2009

Fervono i preparativi per la prima edizione dell’Etnica Lamezia Festival che si svolgerà domenica 28 giugno su Corso Numistrano, a Lamezia Terme. Si tratta di una vera e propria festa di musica popolare che vedrà alternarsi sul palco i gruppi calabresi tra i più conosciuti e applauditi, oltre ad un ospite d’eccezione quale Eugenio Bennato, uno che della musica popolare ha voluto fare una bandiera.
Fortemente voluto dal primo cittadino della Città della Piana, Gianni Speranza, l’Etnica Lamezia Festival avrà inizio intorno alle ore 19.00, quando si succederanno i badolatesi Marasa’, gli Hantura da Petilia Policastro, i lametini Terra di Calabria, i QuartAumentata da Locri e Mimmo Cavallaro con il suo Taran Project che arrivano dritti dritti da Caulonia.

Ma l’Etnica Lamezia Festival, come già anticipato, non finisce qui: a chiudere la kermesse di musica popolare ci sara’ il concerto di Eugenio Bennato, attualmente alla prese con la registrazione del suo nuovo album. La serata, ad ingresso rigorosamente gratuito, sara’ presentata dall’inedito duo formato da Antonio Tavella e Piero Procopio, in questa occasione nell’insolita veste di conduttore.

Tutti i gruppi e musicisti, protagonisti di questa notte all’insegna dei magici ritmi della tarantella, pizzica e word music, che si esibiranno sul palcoscenico dell’Etnica Lamezia Festival, riceveranno l’omaggio di un’opera del maestro orafo Michele Affidato.
I riconoscimenti verranno consegnati dal sindaco Speranza

Per qualsiasi informazione, contattare la Esse Emme Musica di Maurizio Senese: http://www.essemmemusica.it