Per Scalzo del PD il federalismo per decreto è una vergogna del governo Berlusconi

4 02 2011

“La forzatura del Governo Berlusconi di far passare il federalismo municipale alle Camere, non considerando quanto votato nella Commissione Bicamerale, è un altro smacco alla democrazia italiana”. E’ quanto afferma in una nota Antonio Scalzo, consigliere regionale del Partito Democratico.
“Entrando nel merito – continua Scalzo – il federalismo municipale non poteva passare per come la Lega ha fortissimamente voluto; i Comuni del Meridione d’Italia, nelle condizioni finanziarie ai limiti del dissesto in cui si trovano, dopo aver subito tagli indiscriminati negli ultimi anni da parte del Governo centrale, con questo federalismo, che rafforza i forti e indebolisce ulteriormente i deboli, saranno al de profundis”.
“Mi chiedo – conclude il consigliere regionale del PD – come farà la maggioranza di centrodestra che governa la nostra Regione, a spiegare ai calabresi che il Governo Berlusconi considera il Meridione come territorio da depredare a favore delle pretese leghiste”.

Annunci




LEGALITA’:PARTE PROGETTO CON PRESIDENTE CONSIGLIO REGIONALE

30 01 2011

In un Teatro Grandinetti pieno di bambini e studenti e’ partito stamani ufficialmente da Lamezia il “Progetto di educazione alla legalita’” che, voluto dalla Presidenza del Consiglio regionale e affidato al Coordinamento nazionale antimafia “Riferimenti” che hanno siglato un protocollo d’intesa, prevede giornate di approfondimento sulle tematiche della legalita’, della lotta alle mafie e dell’impegno civile in genere, che si svolgeranno in tutte e cinque le province calabresi. Nel portare i saluti del Consiglio regionale, il presidente della stessa Assise, Francesco Talarico, ha evidenziato che ”non basta solo il contrasto all’illegalita’ ma occorre una cultura della legalita’ che e’ essenziale. Sin dal nostro insediamento – ha aggiunto – questo e’ stato il percorso che abbiamo inteso avviare e vi anticipo che il 22 febbraio si svolgera’ un Consiglio regionale dedicato esclusivamente ai temi della legalita’ con l’approvazione di leggi ed ordini del giorno”. Per Talarico, infatti, occorre ”contrastare la ‘ndrangheta che – ha detto – non e’ piu’ un fenomeno solo calabrese in quanto si sta ramificando dappertutto. Cio’, quindi, impegna tutti noi a fare uno sforzo suppletivo e come Consiglio regionale dobbiamo lavorare in questa direzione perche’ la vera piaga della nostra regione e’ la criminalita’ organizzata che noi abbiamo il dovere ed il compito di isolare”. Parole, queste, cui hanno fatto eco gli interventi del prefetto di Catanzaro, Antonio Reppucci, secondo il quale ”i ragazzi sono il futuro e per questo noi abbiamo l’impegno di costruire un mondo meno inquinato di questo”, e del procuratore della Repubblica di Lamezia, Salvatore Vitello, che ha invitato i giovani a diffidare dal ”guadagno facile ed immediato. Quando si fanno alcune scelte – ha detto – si rimane intrappolati”. Sulla stessa lunghezza d’onda gli interventi del generale dei carabinieri Adelmo Lusi, del questore di Catanzaro, Vincenzo Roca, e del sindaco di Lamezia, Gianni Speranza. Nel concludere l’iniziativa, Adriana Musella, presidente di ”Riferimenti” che, dopo che i relatori hanno risposto alle domande dei bambini, ha incitato i ragazzi presenti a ”riscattare questa terra”. Particolarmente commovente la testimonianza di Walter Aversa, figlio del sovrintendente di Polizia Salvatore e di Lucia Precenzano uccisi diciannove anni fa in un agguato mafioso. (ANSA).





Sicurezza stradale il tema del Capodanno su Corso Numistrano

31 12 2010

Un Capodanno all’insegna della solidarietà e della guida sicura quello promosso dall’Amministrazione di Lamezia in collaborazione con la Show Net di Ruggero Pegna. Domani 31 dicembre, dopo la mezzanotte, sul palcoscenico di corso Numistrano, ci sarà l’atteso concerto di Neffa che, come già annunciato, fermerà la sua esibizione per qualche minuto per ricordare le vittime della tragedia che ha colpito la comunità lametina il 5 dicembre scorso e per affrontare il tema della sicurezza stradale.
“Per Lamezia sarà un Natale e un Capodanno diverso da quello degli altri anni – ha sottolineato il sindaco Speranza – sobrio, ma anche vissuto intensamente. Invito tutta la popolazione ad evitare botti e spari. Il mio obiettivo è di limitarli. So che sarà difficile, però dare un segno serio e percepibile mi sembra una buona azione”.
Questa, in sintesi, è la volontà dell’Amministrazione Comunale per ricordare l’accaduto e utilizzare un evento tanto atteso dalla città come opportunità per una campagna di sensibilizzazione sui temi legati alla guida sicura e alla campagna per la sicurezza stradale dell’Aivis, Associazione Italiana Vittime e Infortuni della Strada. Corso Numistrano si presenterà con una serie di manifesti e con due teli giganti sulle torri audio del palcoscenico, appositamente studiati per questa speciale campagna di sensibilizzazione, intitolata “Non correre rischi”.
Quattro gli slogan: “Prudenza – Rispettando i limiti di velocità rispetti la tua vita”, “Sicurezza – Allacciare la cintura di sicurezza è un piccolo gesto che può salvarti la vita”, “Lucidità – Se hai dormito poco, se hai bevuto troppo, se hai assunto sostanze psicoattive, non metterti alla guida”, “Responsabilità – Per la tua e l’altrui sicurezza adotta poche ma sagge regole!” Lo stesso artista dedicherà un suo brano a questo tema e alle vittime della tragedia. Prima del concerto di Neffa si esibirà la band lametina Katrina Saviors
Giorno 1 gennaio alle ore 11 l’Amministrazione ha indetto il classico concerto di Capodanno con l’orchestra Ucraina di Donetsk, diretta da Alexander Dolinsky curato dall’Ama Calabria. “Quest’anno il tradizionale concerto di Capodanno – ha dichiarato il sindaco – assume un significato ancora più speciale e importante per la nostra città, e nello stesso tempo più emozionante e ricco di suggestioni. Sarà infatti il primo evento ospitato nello splendido Teatro Grandinetti, da quando è stato firmato l’atto notarile che ne assegna la proprietà al Comune di Lamezia Terme. L’edizione 2011 di questo concerto, – ha proseguito – così apprezzato e rinomato in città, ha un valore più grande e intenso. La città ha finalmente il suo teatro di proprietà pubblica, un bene caro ai lametini e simbolo delle attività culturali della città che verrà conservato, recuperato e rilanciato”.
Infine, Speranza conclude rinnovando il ringraziamento alle “famiglie delle vittime per l’insegnamento che hanno trasmesso a tutta la comunità, di compostezza, di dignità e di grande solidarietà e tutta la nostra splendida gente per il messaggio significativo che ha saputo dare all’Italia proprio in questo momento drammatico. Vorrei che la città continuasse a vivere con questo spirito solidale, con il calore, la vicinanza, la generosità, con quei sentimenti positivi che ha espresso con straordinaria compostezza e umanità che ha trasmesso al Paese intero”.





Problema ROM a Lamezia. Il Sindaco si rivolge anche a Maroni

11 09 2010

Il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, ha scritto al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, al presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, al presidente della Provincia, Wanda Ferro e al Prefetto di Catanzaro, Giuseppina Di Rosa in merito alla situazione del campo Rom di contrada Scordovillo. “Come ho avuto modo di sottolineare – ha scritto Speranza – nel breve colloquio con il ministro ed anche in diversi interventi pubblici, il campo Rom di contrada Scordovillo a Lamezia Terme è il principale problema sociale della città. La popolazione Rom che abita in quell’area si è insediata negli anni ’60. Si tratta di circa 600 persone, tutti cittadini italiani residenti in città che vi abitano da allora ed altre centinaia che vi gravitano . Con il passare del tempo l’area di contrada Scordovillo, a ridosso della linea ferroviaria Lamezia-Catanzaro, da periferica è diventata sempre più centrale e popolata, sia per la costruzione del nuovo ospedale che di numerosi altri edifici pubblici e privati, creando non pochi problemi di convivenza. L’Amministrazione comunale – ha sottolineato il sindaco – è impegnata in azioni di inclusione sociale e di bonifica dell’area: ha sottoscritto la convenzione relativa al progetto “Riqualificazione urbana in località Scordovillo”, finanziato per un importo di 300 mila euro, che prevede un intervento di natura igienico-sanitaria con la realizzazione di una rete idrica, fognaria e un sistema viario; esiste, inoltre, una convenzione tra Comune e l’associazione che opera sul nostro territorio “La Strada”, per accompagnare bambini e ragazzi nelle scuole, mentre si sono trovate nuove sistemazioni abitative per diversi nuclei familiari. L’Amministrazione comunale – ha continuato Speranza – porterà a conclusione tutte le iniziative avviate nell’ambito del Pon Sicurezza, (un progetto che prevede la spesa di 2 milioni e 519 mila euro): dalla bonifica del campo, alla video-sorveglianza dello stesso, dall’avviamento ed inserimento sociale e lavorativo dei giovani rom, al reintegro nel mercato lavorativo dei capifamiglia (a tale proposito sollecitiamo un tavolo operativo per affrontare la problematica del ferro, che sta molto a cuore della popolazione di Scordovillo). La parte più consistente dei fondi è prevista per l’acquisizione di strutture abitative. Tutto questo non è però assolutamente sufficiente – ha evidenziato – per risolvere in via definitiva la questione, né per affrontarla adeguatamente. Allo stato le condizioni abitative, igienico-sanitarie e di vita nel campo rom sono drammatiche. C’è bisogno urgente di trovare un sito più adeguato, che sostituisca quello attuale e dal quale si riparta per una progressiva inclusione nel tessuto sociale della città. Ma il Comune non può fare tutto questo da solo. C’è bisogno – ha concluso la lettera il sindaco di Lamezia Terme – di un intervento organico e risolutivo, che prenda in considerazione anche ipotesi radicali di spostamento con finanziamenti adeguati e con procedure di Protezione civile: dunque, per dare una risposta all’altezza del problema riteniamo necessario un Accordo di Programma interistituzionale con il coinvolgimento del Governo, della Regione Calabria e della Provincia, e la convocazione di un tavolo coordinato dal Prefetto per affrontare in modo serio la questione sia per garantire il legittimo diritto della comunità Rom a condizioni di vita dignitose nel rispetto della propria specificità etnica e culturale, sia per le legittime esigenze di sicurezza della comunità lametina”.





Dal 14 Luglio riapre l’intera carreggiata della A3 fra Falerna e Lamezia

14 07 2010

L’Anas comunica che domani mercoledi’ 14 luglio sara’ disponibile l’intera carreggiata sud dell’autostrada A3 “Salerno-Reggio Calabria” nel tratto compreso tra gli svincoli di Falerna e Lamezia Terme, dove era istituito uno scambio in carreggiata nord. Il provvedimento era stato disposto per motivi di sicurezza tra il km 308 ed il km 311,600, al fine di completare gli interventi di bonifica del corpo stradale danneggiato a causa dell’eccezionale innalzamento dei livelli della falda acquifera dovuti alle ingenti e copiose precipitazioni dell’ultimo periodo invernale, in corrispondenza del km 310,300.

Da domani mattina, quindi, la carreggiata sud sara’ interamente disponibile al transito. Si ricorda che l’informazione agli automobilisti sulla viabilita’ e sul traffico e’ assicurata attraverso le emittenti radio-televisive, il sito Anas http://www.stradeanas.it e chiamando il numero verde 800.290.092.





Ingrid Benancourt a Lamezia. Costruiamo il futuro sui diritti umani

8 05 2010

‘E’ con stima e affetto, ma, soprattutto, con grande commozione che accolgo Ingrid Betancourt, a nome mio e della comunita’ lametina.

Questa donna rappresenta l’emblema della sofferenza, per essere stata tanti anni prigioniera in seguito al sequestro ad opera delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC), e del cammino per la difesa dei diritti umani”. Lo ha detto il sindaco di lamezia Terme, Gianni Speranza, all’aeroporto di Lamezia Terme, nell’accogliere Ingrid Betancourt, la pacifista colombiana, che oggi prende parte ad un incontro, a Vibo Valentia.

”Proprio sulla strada dei diritti umani – ha concluso Speranza – Lamezia Terme vuole costruire il suo futuro”.





Speranza: “Lamezia merita un’azione amministrativa forte!”

6 05 2010

”Ringrazio di cuore e con grande sincerita’ i Presidenti della Calabria e della Puglia e gli esponenti nazionali, locali e regionali che hanno espresso vicinanza a me e ai valorosi magistrati che hanno ricevuto minacce”. Lo ha detto Gianni Speranza, Sindaco di lamezia Terme (Cz), che, nei giorni, scorsi, e’ stato oggetto,unitamente ad alcuni magistrati, di atti intimidatori.

”La comunita’ di Lamezia Terme merita che si continui un’azione amministrativa forte e trasparente – dice Speranza – che guidi il processo di riscatto civile e democratico di una popolazione che rappresenta la parte migliore del Mezzogiorno e del Paese”. ”Stiamo continuando il nostro lavoro – conclude il Sindaco – con tranquillita’ e serenita”’.