Ancora “veleni” sulla nave di Cetraro

16 11 2009

Sarà pure la Catania come ha rivelato il rov della Mare Oceano, ma i “veleni” la nave affondata a largo di Cetraro continua a spargerli. Non quelli radioattivi precisiamo subito, ma quelli della polemica che non ha mai smesso di essere alimentata da dichiarazioni e sospetti. Prima il botta e risposta tra governo nazionale e regionale sulla questione dei tempi di intervento e sull’eccessivo allarmismo, poi le richieste di chiarimenti in merito alle risultanze degli esami, i dubbi e le perplessità sulla esatta natura del relitto e sulla posizione in mare diversa, secondo alcuni, da quella dove dovrebbe trovarsi il Catania sulla base delle vecchie mappe nautiche… Domani l’Espresso aggiungerà una pagina importante alla vicenda mediatica, secondo i giornalisti del settimanale il caso non è chiuso e il relitto individuato non è quello della nave passeggeri affondata nel 1917 da un sommergibile tedesco. Ma prima che l’articolo arrivi in edicola il Ministero dell’Ambiente corre ai ripari e, oltre a emettere una nota che sottolinea la corrispondenza tra il relitto oggetto delle indagini della Mare Oceano con quello individuato e filmato nel settembre scorso, ribadisce che in fondo al mare di Cetraro giace la Catania, nome che compare sulla fiancata e a poppa del relitto. La posizione della nave potrebbe risultare diversa da quella indicata sulle vecchie mappe, discrepanza da mettere in relazione con i diversi strumenti a disposizione nelle due epoche. Ma per fare ulteriore chiarezza e sgombrare il campo dai dubbi, il ministero, di comune accordo con la DDA di Catanzaro ha deciso di pubblicare tutte le immagini girate dalla Mare Oceano… da domani sulle pagine del sito del Ministero si potranno visionare i filmati realizzati sui fondali del Tirreno. Navigando sul Web chiunque potrà vedere riemergere la Nave di Cetraro e scoprire il suo mistero…

Annunci