Incidente stradale Bivio Palazzo; un morto e due feriti

7 08 2010

È di un morto e due feriti il bilancio di un incidente stradale avvenuto sulla strada statale 18 nel tratto tra Pizzo e Lamezia Terme. Un’autocisterna che trasportava liquido infiammabile, secondo quanto riferisce l’Anas, per cause che sono in corso di accertamento, si è scontrata con un’auto. Sul posto sono intervenuti il servizio di emergenza 118, le squadre di pronto intervento dell’Anas, la Polstrada e i vigili del fuoco. L’incidente ha provocato disagi alla circolazione, con circolazione del traffico con un senso unico alternato. Rimangono aperti gli svincoli dell’autostrada A3 a Pizzo e Lamezia Terme per i veicoli diretti a nord sulla viabilità interna. La persona deceduta è una pensionata di 83 anni, Rosa Reillo, che viaggiava insieme agli altri due feriti a bordo dell’automobile (una Fiat Multipla). Rosa Reillo, che si stava recando al matrimonio di una nipote, è deceduta durante il trasporto con l’elisoccorso nell’ospedale di Catanzaro. Gli altri due feriti, ricoverati nell’ospedale di Lamezia Terme, non sono in condizioni gravi. Lo scontro tra l’autocisterna e la Multipla è accaduto all’altezza dell’incrocio di bivio Palazzo.

Annunci




Padre e figlia muoiono in tragico incidente stradale sul rettilineo Sambiase-Sant’Eufemia nei pressi del bivio “Bagni”

26 05 2010

Due persone, padre e figlia, sono morte in un incidente stradale avvenuto a Lamezia Terme, sull’arteria provinciale che collega il bivio “Bagni” a Sant’Eufemia Lamezia. Secondo una prima ricostruzione dell’incidente, l’autovettura sulla quale stavano viaggiando i due si è scontrata con un altro mezzo. Sul posto sono intervenuti i vigili urbani, i vigili del fuoco e la polizia.

AGGIORNAMENTO:
Le vittime sono Giuseppe e Tiziana Trichilo, padre e figlia, rispettivamente di 68 e di 35 anni. I due stavano uscendo con la loro macchina dall’azienda ubicata proprio nella zona quando si sono scontrati con un altro mezzo in corsa.





PORTA MAGGIORE, CON MOTO CONTRO AUTO IN SOSTA: MUORE 20ENNE LAMETINO

2 05 2010

Ha perso il controllo della moto 125 su cui viaggiava ed è finito contro un’auto parcheggiata in via Porta Maggiore a Roma.
L’incidente è avvenuto intorno alle 5. A quanto si apprende dalla polizia municipale, il 20enne, nato a Lamezia Terme e residente a Guardavalle, è morto all’ospedale San Giovanni intorno alle 8.30. Sul posto per i rilievi i vigili urbani. (omniroma.it)





Anziano guida contromano provocando due incidenti sulla ss 280

28 11 2009

Ha provocato due incidenti, senza conseguenze per le persone, un pensionato, T.A., di 76 anni, che ha percorso contromano per alcuni chilometri, alla guida della sua Fiat Uno, la strada statale 280 tra Catanzaro e Lamezia Terme. Il pensionato, dopo essersi immesso sulla statale, si è accorto di avere sbagliato strada ed ha deciso di fare inversione, percorrendo un tratto contromano, per raggiungere lo svincolo. Per evitare di scontrarsi con la Uno condotta da T.A., due automobili sono finite contro la barriera di protezione. I conducenti delle vetture, comunque, non hanno riportato ferite. Sul posto, per i rilievi, sono intervenuti i carabinieri.





In ricordo di Totò, Piè e Davide si riuniscono in 500 a scuola

18 10 2009

«Sappiamo bene che ciò che facciamo non è che una goccia nell’oceano ma se questa goccia non ci fosse all’oceano mancherebbe». L’istituto per geometri ha ricordato gli studenti Pier Paolo Dattilo diciassettenne, Antonio Mercuri sedicenne, deceduti in un incidente stradale il 14 agosto scorso, ed un altro giovane di 17 anni, Davide Caruso, deceduto sempre in un incidente stradale qualche anno fa.
I ragazzi con il dirigente scolastico Salvatore Vescio ed i loro insegnanti, hanno organizzato ieri alle 9 e mezza una celebrazione eucaristica presieduta da don Carlo Cittadino a cui tutti i giovani dell’istituto hanno partecipato dimostrando alle famiglie dei ragazzi la loro piena e sincera solidarietà. Una goccia di solidarietà per dimostrare un oceano di affetto che demolisce muri, ponti e barricate, pronto a tutto per difendere il diritto alla vita, ma nessuno è padrone di essa e quando accadono tragici eventi ci si chiede: tutto ciò poteva essere evitato?
Se si pensa agli incidenti stradali le cause possono essere molteplici. Si va dalle semplici disattenzioni a tragedie causate dalla cattiva condizione della carreggiata, o situazioni meteorologiche disastrose, o dall’abuso di alcool e droghe. Si pensi ad un fatto frequente: ormai tutti hanno il cellulare, ma non il kit vivavoce; è sbagliato guidare con il cellulare in mano e magari fumare candidamente una sigaretta. Tra ragazzi è facile che quando si è in gruppo si faccia uso di alcol o di altre sostanze, e a volte malgrado le continue raccomandazioni dei genitori i giovani fanno di testa loro ascoltando il richiamo dei coetanei.
Tanti i se e molti i forse. La realtà tuttavia è che sono in aumento le morti per incidenti stradali. È necessario quindi richiamare i giovani alla prudenza.
La morte di Pier Paolo, Antonio, Davide deve essere di monito per i compagni. Erano più di 500 i ragazzi presenti ieri alla commemorazione, molti nell’atrio e all’esterno perchè la sala conteneva solo 150 persone. Malgrado il brutto tempo e l’assemblea d’istituto, erano tutti presenti ed uniti nel salutare insieme Totò, Piè e Davide.
I compagni dell’ex II D sono rimasti in piedi alle spalle del sacerdote durante la funzione per ascoltare le sue parole, un messaggio di conforto alle famiglie dei ragazzi deceduti: «Ho tre amici in più ora in cielo. La morte non è la fine. Ora sono vicini a noi anche più di prima, anche se non li vediamo». Ma anche un appello ai giovani sull’importanza di fare attenzione ai rischi: «Oggi la società è cambiata, i pericoli sono aumentati, dovete evitare l’assunzione di sostanze nocive, volervi bene, andare d’accordo tra di voi».
Dopo la celebrazione toccanti sono state le parole lette da un ragazzo Francesco Guerrieri ispirate a delle preghiere di madre Teresa di Calcutta e Sant’Agostino. Dopo la messa sono stati donati dei fiori con bigliettini scritti dai ragazzi e delle targhe, ai genitori di Antonio, Pier Paolo e Davide, simboli di un affetto che unisce le persone al di là del loro distacco fisico.





Incidente stradale, grave una 23enne

22 06 2009

Una giovane donna di 23 anni, T.S. e’ rimasta ferita gravemente ferita questo pomeriggio in un incidente stradale verificatosi a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro, in via Gioacchino Murat.
L’auto, una Peugeot 106, sulla quale stava viaggiando la donna, per cause in corso di accertamento, ha urtato un muro di cinta lungo la carreggiata destra della strada ribaltandosi per diverse volte. Nell’incidente, la donna ha riportato delle ferite vascolari al braccio sinistro e delle lesioni in tutto il corpo. Le sue condizioni non destano preoccupazioni anche se e’ stata ricoverata con prognosi riservata.