Neffa sul Corso la notte di Capodanno

24 12 2010

Lamezia Terme dedichera’ l’ormai consueto ”Capodanno Giovani 2011”, giunto alla quinta edizione, al tema della sicurezza stradale. Niente botti e attenzione al sociale anche durante le festivita’ natalizie alle porte, in una citta’ ancora scossa dal grave incidente che ha colpito un gruppo di cicloamatori lo scorso 5 dicembre. Questa la volonta’ dell’Amministrazione Comunale per ricordare l’accaduto e utilizzare un evento tanto atteso dai giovanissimi come opportunita’ per una campagna di sensibilizzazione sui temi legati alla guida sicura. Dopo la mezzanotte del 31 dicembre, sul palcoscenico che sara’ allestito in Piazza della Cattedrale, Neffa, uno dei musicisti italiani piu’ amati dai giovani, fermera’ il suo concerto per qualche minuto per affrontare questi temi e sposare questa importante compagna.
“Abbiamo voluto confermare il classico concerto di benvenuto al nuovo anno, dedicato ai giovani -dicono il sindaco Gianni Speranza e l’Amministrazione Comunale- per creare un momento di pacifica aggregazione e riflessione anche su quanto accaduto. La musica ha un linguaggio che, spesso, arriva prima in quelle fasce d’eta’ che devono essere adeguatamente responsabilizzate su un tema cosi’ scottante e attuale come quello della sicurezza stradale. La scomparsa dei nostri concittadini in questo terribile incidente deve far comprendere quanto sia importante il rispetto delle regole che possono evitare il ripetersi di eventi del genere”.
”Abbiamo riflettuto molto -proseguono- sulla possibilita’ di annullare questo concerto ma, dopo un sofferto confronto, abbiamo deciso di confermarlo anche per fare in modo che, in questo momento, i nostri giovani restino in citta’, vicino alle proprie famiglie”. Piazza della Cattedrale e Corso Numistrano che, com’e’ noto, in luglio ospitano il villaggio musicale del Demofest di Radio1, possono contenere oltre trentamila persone. ”L’intero programma natalizio -continua Speranza – dovra’ essere caratterizzato dalla sobrieta’ e dalla spiritualita”’.





Daniele Sepe con la Brigada Internazionale pronti per un Capodanno da ricordaresul Corso Numistrano

29 12 2009

Sara’ una notte di fine anno all’insegna del divertimento e dell’allegria quella voluta da Gianni Speranza, sindaco di Lamezia Terme, terza citta’ della Calabria per abitanti e principale nodo commerciale e di comunicazione della regione. La quarta edizione del suo Capodanno Giovani, dopo il trio Gazze’-Turci-Rei, Bandabardo’ e Caparezza degli anni precedenti, presentera’ il grande concerto di Daniele Sepe con la Brigada Internazionale, organizzato dalla Show Net di Ruggero Pegna. Il 2010 sara’ accolto al grido di “Nostra Patria e’ il Mondo Intero”, prendendo spunto dal titolo dell’ultimo album di Sepe con la sua band multietnica, composta da ben sedici musicisti provenienti da ogni angolo del mondo. La festa-concerto iniziera’ dopo la mezzanotte su Corso Numistrano davanti alla Cattedrale, il salotto dei grandi eventi posto nel centro storico della Citta’, capace di ospitare oltre quarantamila persone in condizioni di comfort e sicurezza, come accaduto per il Demofest di luglio e per il concerto di Cristiano De Andre’ a fine agosto. La scelta, come affermano il sindaco Speranza e il promoter Ruggero Pegna, ha voluto privilegiare il clima festoso che deve accompagnare il benvenuto al nuovo anno con ritmi scatenati e musica da cantare e ballare e, al contempo, vuole trasmettere un forte messaggio di pace, solidarieta’, tolleranza ed accoglienza tra i popoli.
Musica e successi da tutti i continenti, quindi, inseriti in una scaletta studiata appositamente per una grande festa collettiva di benvenuto al nuovo anno. Uno scatenatissimo e imprevedibile Daniele Sepe capitanera’ una band con musicisti di tutte le razze, in una Citta’ in grande crescita, emblema dei tanti temi e problemi dello sviluppo del Sud. Quello di Lamezia Terme si preannuncia come un Capodanno tra i piu’ divertenti in programma in Italia. Con Daniele Sepe, sull’immenso palcoscenico coperto che sara’ allestito come tradizione nel cuore del Centro Storico, tutta la sua Brigada composta da Doris Lavin, voce, Cuba, Florian, chitarra e voce, Romania, Auli Kokko, voce, Svezia, Ismail Niang, voce, Senegal, Arlen Azevedo, chitarra e voce, Brasile, Marzouk Mejiri, percussioni e voce, Tunisia, Cruz Lemos Edmilson “Carcara’”, percussioni, Brasile, Roberto Caroino Bastos, percussioni e voce, Brasile, Roberto Argentino Lagoa, percussioni e voce, Argentina, Roberto Schiano, trombone, Italia, Franco Giacoia, chitarra elettrica, Italia, Piero de Asmundis, tastiere, Italia, Gigi De Rienzo, basso, Italia, Raffaele Di Fenza, batteria, Italia. L’allestimento prende il via domani. L’ ingresso e’ libero e si prevede un grande afflusso di giovani da tutta la regione, come gia’ accaduto in quelli precedenti.

(da AGI)





Daniele Sepe e la ‘Brigada Internazionale’ per il Capodanno in Piazza di Lamezia

1 12 2009

Sarà un Capodanno multietnico quello voluto per Lamezia Terme dal sindaco della città, Gianni Speranza. La quarta edizione del Capodanno Giovani sarà intitolato ‘Nostra Patria e’ il Mondò, prendendo spunto dal progetto artistico, musicale e sociale di Daniele Sepe che, alle 0,30 del 31 dicembre, terrà il suo concerto in Piazza della Cattedrale insieme a tutta la sua ‘Brigada Internazionale’. L’ ingresso è libero e si prevede un afflusso di almeno ventimila giovani da tutta la regione, come già accaduto negli appuntamenti precedenti con il trio Turci-Gazzé-Rei, la Bandabardò e Caparezza. “I nostri eventi musicali e di spettacolo – afferma il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza – sono rivolti soprattutto ai giovani. Innanzitutto a loro è rivolta la nostra attenzione, anche attraverso occasioni di divertimento, di pacifica aggregazione e di riflessione, con proposte di qualità e forti contenuti sociali. Sono queste le caratteristiche principali dei progetti che abbiamo pensato e avviato con successo, come il Lamezia Demofest, il primo Maggio, il Capodanno Giovani e diversi altri. Sono certo che daremo un benvenuto al 2010 in modo allegro, tutti insieme, ancora una volta nel salotto storico della città. Ci auguriamo di accogliere migliaia di persone, come accade ogni anno, in un clima di festa e divertimento, nella speranza che il nuovo anno porti nella nostra città e in tutto il Sud pace, lavoro, legalità e benessere”. L’evento è predisposto dalla Show Net di Ruggero Pegna. “La musica – afferma Pegna – non conosce confini e colori della pelle, ma soltanto i colori del cuore. La grande musica è quella che sa emozionare. Da sempre ogni continente con la sua musica contamina il resto del mondo. Una contaminazione sana e pulita che rende i popoli e soprattutto i giovani, davvero più vicini e uniti”. Il musicista partenopeo Daniele Sepe presenta così il suo progetto: “Una società in cui un oggetto per produrre musica si progetta negli Stati Uniti, si produce in condizioni ignobili in Cina e poi viaggia per tutto il pianeta senza limitazioni, diventando un oggetto di culto, dovrebbe essere una società muta, senza musica e senza gioia. Se le merci possono attraversare i cinque continenti senza problemi, mentre uomini, donne e bambini sono costretti tra mille pericoli a scampare fame, ingiustizia e guerra, significa che dovremmo per decenza perdere la voce. ‘Nostra patria e’ il mondo interò recitava una vecchia canzone anarchica, ma si sa gli anarchici finivano ghigliottinati, garrotati o in galera, mentre le loro maestà di ieri e di oggi ancora ci guardano dalle loro statue nelle nostre piazze, o sguazzano nelle piscine del Billionaire. Un mondo al contrario! Ma muti non vogliamo stare e a cantare e ballare non devono restare solo questi birichini”.