Sondaggi

Di volta in volta vi proporremo un sondaggio per capire cosa pensano i cittadini di determinati argomenti. Anche voi potete proporre il vostro sondaggio, sempre inviando una e mail a tuttosulamezia@gmail.com o semplicemente aggiungendo un commento in fondo a questa pagina.

Ecco il sondaggio o i sondaggi a cui vi preghiamo di rispondere oggi:


4 responses

31 12 2009
giuseppe morelli

Non perdiamoci in chiacchere a discutere su quali sono i problemi della calabria, li sappiamo benissimo tutti e sono infiniti, piuttosto ci vogliamo chiedere’ quali sono le cose che vanno bene?
RISPOSTA: nessuno
E allora cosa facciamo ci piangiamo addosso?
E’ ora di reagire, diciamoli ai ns politici, che ci fanno la morale su quello che è la nostra terra il piu’ delle volte per colpa loro, pertanto gli vogliamo chiedergli qauli sono le soluzioni?
Vogliamo persone serie che ci amministrano, e siamo stufi di essere sempre la cenerentola di tutto.

31 08 2010
SSSSSS

SOLO CHIACCHIERE E NIENTE FATTI COMPORTAMENTO TIPICO………

31 08 2010
SSSSSS

LA NOS.REGIONE E’ TERRA BRUCIATA NON CI HA POTUTO NEMMENO GARIBALDI…….

2 09 2010
cantafio lciano

Calabria
Bella e assolata,
Dal vento accarezzata
Nessuna cosa del creato
Tu hai mai desiderato,
Da tanta gente bistrattata
Perché da costoro invidiata

Gente buona e leale hai partorito
Che terra accogliente, t’hanno chiamato,
Sempre dallo straniero soggiogata
Ma tante volte ti sei rialzata.

Dal tuo grembo ricco e generoso
Hai sempre offerto cibo copioso,
Per chi ha saputo il tuo frutto raccogliere
Non ha mai avuto bisogno di chiedere.

Briganti, Calabri non soggiacenti,
Emigranti, Calabri per il mondo vaganti.

31 ottobre 2008 18.18 Cantafio Luciano Antonio

Calabria
Bella e assolata,
Dal vento accarezzata
Nessuna cosa del creato
Tu hai mai desiderato,
Da tanta gente bistrattata
Perché da costoro invidiata

Gente buona e leale hai partorito
Che terra accogliente, t’hanno chiamato,
Sempre dallo straniero soggiogata
Ma tante volte ti sei rialzata.

Dal tuo grembo ricco e generoso
Hai sempre offerto cibo copioso,
Per chi ha saputo il tuo frutto raccogliere
Non ha mai avuto bisogno di chiedere.

Briganti, Calabri non soggiacenti,
Emigranti, Calabri per il mondo vaganti.
31 ottobre 2008 18.18 Cantafio Luciano Antonio

Canciellu
te vuogliu cuntare de nu piezzu e paradisu,
Duve l’abitanti anu tutti nu sorrisu,
E si te ncontra unu cu lu mussu stendutu
Nun te preoccupare è l’urtimu arrivatu,
Quandu……. doppu i Pantanella
hai superatu…… na sagliutella
A Canciellu…….. si arrivatu,
Chi de nu venticiellu è sempre rinpriscatu,
Fhatte a cruce ca San Giuorgi te duna lu buonuvenutu.
Ppemmu u sanu puru i guagliuni
Ve scrivu……… i numi de riuni,
Cu le Nucille, Micagiellu e Malapezza
te duna la prima carizza,
Micandielli, Grastaturi e Salice
te dicenu ca ccà se vive felice,
te cuntanu, Riepuli, u Chiusu e Cardaru
ca tanti surdati e Mandilaru c’è passaru.
Duce collina ricca de uliviti
Duve nun mancanu i vigniti,
Tanti uorticielli cà su curtivati
Cu l’acqua da prisa abbiverati
Do sule da matina alla sira si vasatu,
Mò, da sorgiva e l’acquajanca dissetatu,
Quanti varrili e vozzarelle hanu inchjutu ,
Ppè lu passatu, Politu e Mangriscianu
Micandellu e lu Pantanu,
Di prodotti e cose bone ndai vrundatu,
De frutta e de verdura ndai vindutu,
A Marcinara, Miglierina e Amatu
A Pianopuli e a Nicastru ndai spargiate,
E… ficundiane a Sarastritta cihai portatu.
Grandi hfatigaturi i tui abitanti
Anu sempre rispettatu tutti i Santi
Chi cianu dedicatu tante preghiere
Sceglienduse a prutetture u Cavaliere.
Intra i gienti de Canciellu è cuntentizza
Ca a propria condizione è na ricchizza.
Oje è San Giuorgi e le fatighe su lassate
Hfimmine cu gonne stirate
Uomini cu cammise ncravattate
Alla chiazza e bancarelle su spandute
tanta allegria, tutti a Canciellu su venuti
L’antiche tradizioni nun sanu scordatu
Sempre cu vinu de uva anu vivutu.
Tanti piedi d’aliva anu chiantatu
Cà sempre cu d’uogliu buonu anu cundutu,
Alli puorci aglianda e castagne anu civatu
Ca u tiempu de sazizzi pue è sempre venutu.
1 novembre 2008 8.58 Luciano Cantafio Antonio
Migliusari
Ppe avire do granu a hfarina
Avie d’arrivare alla jumara de mulina,
Ppe nu pocu d’uogliu intra a nsalata
D’alive ndavie de coglire na jurnata,
Ppe la hfravica da gghiesa, e petre de Collaru
E hfimmine do Migliusu cu la capu ndè portaru,
Quandu allu varrile l’acqua stavia ppe finire
L’atra allu Cuculu volia juta a pigliare,
Cu chilla viarella stritta, ppe pocu passave
quandu cu natra persona te ncuntrave.
I granci, u Pantanu u Cumune e Ruvettaru
Puru tanti gienti dissetaru,
Si a lissia volia juta a fare
A Collaru e vasche te stavianu ad aspettare,
Si u hfurnu ppè lu pane avie de ardire
Nu viaggiu de iliche t’avie divutu e trasire,
Quandu da marina te ricoglie
U Pantanu e la Vecchia currianu ppe tie,
U Migliusaru è n’uominu d’oru
Sempre devotu alla hfamiglia e allu lavoru,
sempre onestu, ppe campare
Puru e zombe sapia jre a tirare,
ogne tanti anni intra i vosca a sudare
ca puru u suveru sapia scorchjulare,
E alli sietti a jurnata tirare
Ca tanti barchi savianu e zappare,
E quandu nun ndà chiù potutu
A pigliatu a valigia ed è partutu,
Cammise janche e scarpe nove alla Mmaculata
Intra a ghiesa tanta gente nun c’era mai caputa,
E mentre u Prievite u Santissimu benedicia
Sutta u pratanu, picciuli e randi, na hfera c’è paria.
30 ottobre 2008 17.25 Luciano Cantafio Antonio

14
L’Enciclopedia gratuita parlante
Chine ppe na cosa chi nun sà, u cerviellu le giria
è certu ca, ha de sfogliare l’enciclopedia,
Ma cu sti tiempi de progressu subitu a consurtare
U computer, internet e a tuttu c’è da riparare,
Ma si l’abbonamentu vue risparmiare,
E la linea ppe internet nun pue pigliare,
C’è na cosa a portata de manu chiù sempricemente,
Basta rivolgersi all’Enciclopedia Gratuita Parlante.
Tutti i nuostri anziani, sunu u tesoru do sapire
Pperchì offreno n’istruzione cicrica a dovire,
Canuscenu direttamente e cose ppè acquisizione
Intra u tiempu e ppe mezzu da pratica e de l’osservazione.
Hanu da vita l’esperienza
Hanu do mundu a conoscenza,
Parranu a lingua tua stessa, e su dotati de favella
Te dunanu na risposta giusta e sicuramente bella.
Te risolvono subitu tanti problemi
E se sentenu sicuru menu scemi.
Nun c’è bisuognu, ca a manu tai de vrusciare
Mu capisci ca u fuoco a mani nude nun le toccare.
Ma de tantu tiempu, l’anziani su pocu valutati
E tanti tesori alli spizi su stipati.
Volimu risparmiare tiempu e dinari
Ca de sti tiempi su diventati tantu rari
Amu de fhare sulu cumu se hfacia na vota

Damocce all’amzianu u postu chi se mierita.
4 novembre 2008 18.28 Luciano Cantafio Antonio

Migliusari
Ppe avire do granu a hfarina
Avie d’arrivare alla jumara de mulina,
Ppe nu pocu d’uogliu intra a nsalata
D’alive ndavie de coglire na jurnata,
Ppe la hfravica da gghiesa, e petre de Collaru
E hfimmine do Migliusu cu la capu ndè portaru,
Quandu allu varrile l’acqua stavia ppe finire
L’atra allu Cuculu volia juta a pigliare,
Cu chilla viarella stritta, ppe pocu passave
quandu cu natra persona te ncuntrave.
I granci, u Pantanu u Cumune e Ruvettaru
Puru tanti gienti dissetaru,
Si a lissia volia juta a fare
A Collaru e vasche te stavianu ad aspettare,
Si u hfurnu ppè lu pane avie de ardire
Nu viaggiu de iliche t’avie divutu e trasire,
Quandu da marina te ricoglie
U Pantanu e la Vecchia currianu ppe tie,
U Migliusaru è n’uominu d’oru
Sempre devotu alla hfamiglia e allu lavoru,
sempre onestu, ppe campare
Puru e zombe sapia jre a tirare,
ogne tanti anni intra i vosca a sudare
ca puru u suveru sapia scorchjulare,
E alli sietti a jurnata tirare
Ca tanti barchi savianu e zappare,
E quandu nun ndà chiù potutu
A pigliatu a valigia ed è partutu,
Cammise janche e scarpe nove alla Mmaculata
Intra a ghiesa tanta gente nun c’era mai caputa,
E mentre u Prievite u Santissimu benedicia
Sutta u pratanu, picciuli e randi, na hfera c’è paria.
30 ottobre 2008 17.25 Luciano Cantafio Antonio

14
L’Enciclopedia gratuita parlante

Chine ppe na cosa chi nun sà, u cerviellu le giria
è certu ca, ha de sfogliare l’enciclopedia,
Ma cu sti tiempi de progressu subitu a consurtare
U computer, internet e a tuttu c’è da riparare,
Ma si l’abbonamentu vue risparmiare,
E la linea ppe internet nun pue pigliare,
C’è na cosa a portata de manu chiù sempricemente,
Basta rivolgersi all’Enciclopedia Gratuita Parlante.
Tutti i nuostri anziani, sunu u tesoru do sapire
Pperchì offreno n’istruzione cicrica a dovire,
Canuscenu direttamente e cose ppè acquisizione
Intra u tiempu e ppe mezzu da pratica e de l’osservazione.
Hanu da vita l’esperienza
Hanu do mundu a conoscenza,
Parranu a lingua tua stessa, e su dotati de favella
Te dunanu na risposta giusta e sicuramente bella.
Te risolvono subitu tanti problemi
E se sentenu sicuru menu scemi.
Nun c’è bisuognu, ca a manu tai de vrusciare
Mu capisci ca u fuoco a mani nude nun le toccare.
Ma de tantu tiempu, l’anziani su pocu valutati
E tanti tesori alli spizi su stipati.
Volimu risparmiare tiempu e dinari
Ca de sti tiempi su diventati tantu rari
Amu de fhare sulu cumu se hfacia na vota
Damocce all’amzianu u postu chi se mierita.
4 novembre 2008 18.28 Luciano Cantafio Antonio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: