Il lametino Donald Renda a Sanremo con Patti Pravo

13 02 2011

Martedì prossimo sul palco del Teatro Ariston di Sanremo ci sarà un lametino doc: Donald Renda è il batterista di Patty Pravo. Il giovanissimo Donald, nato e vissuto a Lamezia Terme è l’esempio della tenacia, dell’impegno e della passione. È l’esempio per tutti noi giovani di come sia possibile realizzare i sogni nel cassetto attraverso studio, fatica, sacrificio. Qualcuno di noi è in grado di collegarlo a suo padre, Eugenio Renda, fondatore del gruppo musicale i Bruzi, che negli anni ’60 è protagonista della scena musicale calabrese, ma la storia di suo padre ha costituito solo uno stimolante imput iniziale. Donald inizia a studiare batteria in Calabria nel 1993 con l’insegnante Carlo Caligiuri; l’anno dopo si trasferisce a Prato e frequenta i corsi di percussioni classiche, di batteria, di solfeggio e pianoforte presso la scuola di musica G. Verdi di Prato. Partecipa negli anni a numerosi seminari di batteristi italiani e internazionali: Lele Melotti, Agostino Marangolo, Ellade Bandini, Cristian Mayer, Steve Ferrone, Virgil Donati, Dave Weckl, Gavin Harrison, Horacio el negro ìHernandez e molti altri. L’incontro fondamentale della sua vita artistica avviene nel 2007 quando diventa allievo di Alfredo Golino presso la scuola Cambiomusica di Brescia.
Inizia la sua carriera insieme al gruppo Cayo Rosso, con il quel registrerà due album: Tempo Stabile(2005), i cui singoli estratti, Kontakto e Tempo_Stabile passano in rotazione radio e video, e “Cayorosso”, con i due singoli estratti e relativi videoclip “La penisola dei famosi” e “4 Dita di veleno” che andranno in rotazione su All Music e MTV. Dal 2006 collabora sia live che in studio con vari musicisti e all’interno di alcune formazioni musicali, tra cui i più famosi sono Noemi, Fiorella Mannoia, Paola Turci, Morgan, Cayorosso, Giuliano Rassu (X Factor), A dog to a rabbit, Michele Vitulli (Articolo31), Marco Cocci (Malfunk), Francesco Sighieri (Irene Grandi e Dolcenera), Cesare Chiodo (Raf, Pausini) Pio Stefanini (Irene Grandi), Giacomo Castellano (Noemi, Gianna Nannini, Irene Grandi, Raf).
Nel 2009 viene ingaggiato come batterista di Noemi (X Factor). Oltre alle numerose date in giro per l’Italia, partecipa anche al concerto benefico “Amiche per l’Abruzzo” svoltosi allo stadio San Siro di Milano al cospetto di un pubblico di 60.000 persone.
Con Noemi suona anche nel Sulla mia pelle tour fino al dicembre 2010.
Nel 2011 inizia la sua collaborazione con l’artista Patty Pravo, registra per lei l’album Nella terra dei pinguini e, dopo aver firmato il contratto che lo vedrà in tour in Italia e all’estero, lo sentiremo martedì alla 61esima edizione del festival di Sanremo come batterista dell’artista.
In questi tempi dove i mass media ci propinano facili successi attraverso strade altrettanto facili, vogliamo parlare di un nostro conterraneo che oggi ha raggiunto mete importanti e altre ne raggiungerà, trovando soddisfazione nell’impegno e nella passione che oggi lo portano ad essere uno dei più importanti e richiesti batteristi italiani.

Annunci




Congresso Regionale di SEL, stimato terzo partito d’Italia al Grand Hotel di Lamezia

9 02 2011

Martedì 8 febbraio, alle ore 11.00, presso l’Auditorium del Liceo “Tommaso Campanella” di Lamezia Terme, Massimiliano Civica, regista di UN SOGNO NELLA NOTTE DELL’ESTATE, spettacolo shakespeariano portato in scena al Teatro Politeama martedì 8 e mercoledì 9 febbraio, ha incontrato gli studenti del Liceo. L’incontro è stato una sorta di “introduzione alla visione” dello spettacolo stesso, in quanto un nutrito gruppo di studenti del liceo grazie ad un progetto teatrale e musicale promosso all’interno della scuola dalla prof.ssa Michela Cimmino con l’obiettivo di creare una sinergia positiva e un’apertura reale tra la scuola e gli enti culturali che operano sul territorio, ha la possibilità di usufruire dell’abbonamento all’intera Stagione di Prosa del Teatro Politeama di Lamezia Terme.
L’incontro si è trasformato in una vera e propria “lectio shakespeariana” e il regista, con giocosa maestria affabulatoria, è riuscito a catturare l’attenzione di 350 ragazzi per un’ora e trenta minuti suscitando curiosità ed entusiasmo. A portare il saluto dell’Amministrazione Comunale, era presente l’assessore Rosario Piccioni.





Ryanair torna a volare da Lamezia verso l’estero. Ora si va a Barcellona, Stoccolma, Bruxelles e Londra…. Non più incompetenti quindi?

8 02 2011

La compagnia aerea Ryanair annuncia sei nuove rotte da Lamezia per Barcellona (Girona), Bruxelles (Charleroi), Londra (Stansted), Stoccolma (Skavsta) e Trapani, operative con l’avvio della stagione estiva 2011, e per Parigi (Beauvais) per la stagione invernale 2011.
Per festeggiare le nuove rotte da Lamezia, Ryanair ha messo a disposizione 1 milione di posti a €6 per viaggiare verso 500 destinazioni europee a fine febbraio e a marzo. Questi posti a €6 devono essere prenotati su http://www.ryanair.com prima della mezzanotte (h 24:00) di lunedì 7 febbraio. Le cinque nuove rotte estive di Ryanair sono già in vendita da sabato (5 febbraio) mentre la rotta invernale per Parigi sarà prenotabile nei prossimi mesi in quanto inclusa nello schedule invernale 2011.
Melisa Corrigan di Ryanair ha dichiarato:
“Lamezia festeggia le sei nuove rotte per Barcellona, Bruxelles, Londra, Parigi, Stoccolma e Trapani che porteranno il traffico Ryanair a Lamezia ad oltre 600.000 passeggeri e sosterranno 600 posti di lavoro a livello locale.
Per festeggiare le nostre nuove rotte a Lamezia, Ryanair metterà a disposizione 1 milione di posti a €6 per viaggiare in Europa a fine febbraio e a marzo. Dal momento che i posti a queste incredibili tariffe basse andranno a ruba velocemente, invitiamo i passeggeri a prenotarli subito su http://www.ryanair.com.”





Operazione antiprostituzione fra Cosenza e Lamezia Terme. Arrestato un Agente immobiliare ed altre persone che organizzavano lo sfruttamento.

4 02 2011

C’è anche una donna di nazionalità sudafricana, P. A. di 37 anni di Lamezia, tra gli otto arrestati nell’operazione antiprostituzione della polizia di Cosenza. La donna avrebbe messo a disposizione una casa a Lamezia dove far incontrare prostitute e clienti. L’operazione della polizia ha permesso di individuare un giro di prostituzione tra la Calabria (Cosenza, Rende e Lamezia) e la Puglia.
A capo dell’organizzazione criminale c’erano due donne A.C. di 43 anni di Brindisi, e R.B. 65 anni entrambe tradotte in carcere assieme al marito di A.C.
I tre avevano coinvolto anche D. P., un uomo di 79 anni che non è finito in carcere a causa dell’età avanzata. Il compito dei quattro era di organizzare e contattare i referenti di zona che a loro volta dovevano individuare o mettere a disposizione le case dove far svolgere gli incontri.
Tra i referenti, quindi, anche la donna sudafricana di Lamezia che metteva a diposizione una casa proprio nella città della Piana.
Oltre a lei anche altri tre uomini: un agente immobiliare, C. E. di 36 anni, P.N., di 32 anni, che ha messo a disposizione una casa per gli incontri delle prostitute e Z.M. , 35 anni, che avrebbe gestito anch’egli uno degli appartamenti utilizzati dall’organizzazione.





Tre bambini ricoverati per N1H1 all’ospedale di Lamezia

4 02 2011

Tre bambini cui è stata diagnosticata l’influenza A sono ricoverati presso il reparto di Pediatria dell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme. Nessuno dei tre risulta essere in condizioni preoccupanti e gli accertamenti effettuati hanno confermato nei casi in oggetto la presenza del virus AH1N1. Si tratta di bimbi che hanno rispettivamente quattro anni, tre anni e 18 mesi. Quest’ultimo, dopo i primi giorni trascorsi nel reparto di Rianimazione è stato trasferito in quello di Pediatria, alla luce del miglioramento delle sue condizioni.





Aperta inchiesta per la morte nell’ospedale di Cosenza di un giovane lametino

4 02 2011

Mistero sulla morte del giovane di Lamezia morto all’ospedale di Cosenza. Il procuratore della Repubblica del tribunale di Cosenza Giuseppe Cava ha aperto un’inchiesta dopo l’esposto dei familiari di un trantasettenne di Lamezia Terme.Oggi verra’ disposta l’autopsia sul corpo del giovane per accertare le cause del prematuro decesso avvenuto all’ospedale dell'”Annunziata”.Sono stati iscritti nel registro degli indagati i due medici dell’ospedale di Cosenza che avevano in cura il giovane fino al momento del decesso.Il giovane lametino,Pietro Ammendola,era giunto a Cosenza domenica pomeriggio in elisoccorso direttamente dall’ospedale di Lamezia,dove i medici avevano diagnosticato un sanguinamento dell’aorta addominale.Al suo arrivo a Cosenza,dopo ulteriori accertamenti,un chirurgo vascolare riferiva che le condizioni del ragazzo erano gravi ma non per il sanguinamento dell’aorta ma per la presenza di una massa tumorale o per un strappo di un muscolo che avrebbe causato la rottura di un capillare,ma che comunque non essendo in pericolo di vita non era necessario intervenire d’urgenza anche perchè il quadro clinico non era del tutto chiaro.Lunedì ulteriori accertamenti fecero scongiurare la presenza di una massa tumorale,quindi si arrivo’ alla conclusione che era uno strappo muscolare che aveva provocato la rottura di un capillare.Secondo i medici comunque il paziente non era in pericolo di vita,nella notte pero’ le condizioni del giovane si aggravano ulteriormente tanto da portare i medici ad intervenire d’urgenza,previo consenso dei familiari,l’intervento è tecnicamente riuscito alle 16,30 il giovane veniva portato in rianimazione alle 19.30 veniva dichiarato il decesso. Le cartelle cliniche compilate in ospedale sono state poste sotto sequestro.L’ipotesi del reato è quella di omicidio colposo. Nell’esposto presentato dalla famiglia c’è tanta rabbia e tanto dolore per la prematura e misteriosa dipartita del loro congiunto.I familiari chiedono che sia fatta luce su questa morte assurda.Pietro Ammendola era un uomo di 37 anni che lavorava come guardia giurata presso gli uffici lametini dell’inps,lascia una giovane moglie e una piccola di soli 4 anni.





Arriva la tanto attesa nomina dei due assessori del PD

4 02 2011

Il sindaco di Lamezia Terme (Cz), Gianni Speranza, dopo una nuova tornata di consultazioni con i consiglieri comunali ha nominato, con apposito decreto, i due assessori del Pd in giunta.

Si tratta di Franco Amendola, che ha avuto la delega ai Lavori pubblici e di Pietro De Sensi, che si e’ riservato di accettare. Franco Amendola, dopo una lunghissima esperienza nella Cgil, sindacato di cui e’ stato segretario provinciale, e’ stato consigliere regionale e parlamentare nazionale del suo partito.

Pietro De Sensi e’ stato dirigente della direzione regionale Emilia Romagna del Ministero delle Finanze, dirigente nella direzione generale del personale dell’Agenzia delle Entrate a Roma e attualmente dirige il settore organizzazione, informazione e comunicazione dell’Arpacal.

Nell’ultima fase della passata legislatura regionale, e per pochi mesi, e’ stato anche direttore generale dell’azienda sanitaria provinciale di Catanzaro.

”Entrambi gli assessori danno forza e completano la giunta che e’ da mesi a lavoro -ha commentato il sindaco Speranza – . Si tratta di due personalita’ che danno alla nostra Amministrazione ulteriore autorevolezza e competenza rafforzandone anche gli aspetti di innovazione e di pluralismo”.