Campagna informativa sulla Raccolta differenziata

30 09 2010

Avviata a Lamezia Terme ma anche nei 27 Comuni soci della Lamezia Multiservizi, ”la campagna informativa per il conferimento dei contenitori derivati dalla cellulosa nei contenitori della raccolta differenziata di carta e cartone e non piu’ con plastica e lattine”.

L’iniziativa, gia’ anticipata nello scorso mese di luglio, e’ stata realizzata grazie alla stretta collaborazione tra la Multiservizi, il Comieco (Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica) e la Tetra Pak (la multinazionale leader nel confezionamento e trattamento dei prodotti alimentari).

”La campagna informativa, nello specifico, prevede la distribuzione di pieghevoli informativi, l’affissione di manifesti e locandine e l’applicazione di nuovi adesivi sui contenitori della raccolta dove potranno essere conferite queste confezioni a base di carta ed utilizzate per confezionare latte, succhi di frutta, vino, sughi, legumi”.

Annunci




Zena “starlette” rumena scatta le foto per il suo calendario nel Golfo di Lamezia

30 09 2010

L’hinterland lametino e il borgo storico di Fiumeffreddo Bruzio sono gli scenari della sexy star Zena Ler per il suo calendario 2011. Dopo il successo di quello dell’anno scorso l’attrice rumena ha scelto la Calabria e gli scatti del regista e fotografo lametino Enzo Cittadino per le sue nuove foto osè.
Nei giorni scorsi l’attrice, accompagnata dal suo entourage, col fotoreporter Cittadino ha fatto un giro per la Piana prediligendo gli sfondi marini del Golfo di Sant’Eufemia.
Zena Ler, rumena, attrice di teatro a con origini turche e lineamenti bizantini, è una bellezza euroasiatica. Ha iniziato la sua carriera come attrice nel suo paese. La partenza è stata molto dura, le parti che è riuscita ad ottenere in patria sono state marginali finché è arrivata la svolta e l’occasione per un nuovo percorso di successo.
Recitando in un ruolo da coprotagonista in una pièce teatrale in cui impersonava una ballerina di lap dance, Zena si è sentita costretta a prender lezioni di danza accorgendosi proprio su quel palcoscenico di essere particolarmente dotata e di avere talento. Così ha preferito cominciare seriamente lo studio di quella disciplina, e di riproporsi nel campo dello spettacolo sotto una nuova veste al peperoncino.
Arrivata in Italia, la sua nuova carriera di ballerina e stripdancer le ha procurato notevole ed immediato successo, che la bella Zena riesce ad aumentare curando minuziosamente coreografie, make-up e costumi.
Dopo aver tanto lavorato nel mondo dello spettacolo neanche lei riesce a sottrarsi al fascino del calendario, pubblicando con successo l’edizione 2010 andata a ruba tra i tanti fan affezionati del suo sito ufficiale.





Tre auto incendiate in una notte in Via dei Mille

29 09 2010

Un forte boato ha svegliato, la notte scorsa attorno all’una, i residenti in una traversa di via dei Mille. A prendere fuoco un’auto, una Mercedes. Pochi minuti e le fiamme hanno avvolto anche altre due macchine, Fiat Punto, parcheggiate vicino alla Mercedes. Le lingue di fuoco hanno lambito il condominio sovrastante giungendo fino al secondo piano. Su posto sono sopraggiunti i locali vigili del fuoco che hanno spento le fiamme provocate dallo scoppio delle tre autovetture. Le forze dell’ordine, anch’esse sul luogo, hanno avviato i rilievi del caso. Oltre alle tre autovetture distrutte, diversi sarebbero i danni provocati dall’incendio ad una parte del condominio interessato dalle fiamme. Non si registrano feriti tra gli abitanti del quartiere.





Grande successo per il memorial Saverio Calfa

29 09 2010

Grande successo di pubblico e di sport in occasione del settimo “Gran Prix nazionale di tennis”, riservato a giocatori di quarta categoria, che si è svolto nei giorni scorsi al Circolo tennis Lamezia in contrada Magolà, e dedicato al giovane avvocato lametino Saverio Calfa, prematuramente scomparso lo scorso anno. Il torneo è stato vinto da Antonio Pileggi (classifica 4/nc) del Ct Lamezia che ha battuto in finale Francesco Staglianò (classifica 4/3) anche lui del Ct Lamezia. In particolare Pileggi ha chiuso il primo set 6/4 e il secondo 6/2, aggiudicandosi così il primo memorial “Saverio Calfa”, fortemente voluto dal maestro Raffaele La Scala in ricordo del giovane atleta prematuramente scomparso, che proprio sui campi di Magolà ha imparato a giocare a tennis e dove ha gareggiato fin da bambino.
Il torneo ha registrato una grande partecipazione di atleti provenienti da tutta la regione: sessanta gli iscritti, venti dei quali con classifica di primo gruppo, che si sono sfidati sui campi in terra rossa del Ct Lamezia dando vita a spettacolari partite, che sono state seguite da un pubblico numeroso. La manifestazione è stata diretta dal giudice arbitro Vincenzo Morello e dal vice Riccardo Bertolami, coadiuvato dal giudice di sedia Mattia Celia Magno e dal direttore di gara Raffaele La Scala. La kermesse sportiva si è conclusa con la cerimonia di premiazione che ha registrato la presenza degli assessori comunali di Lamezia Terme, Rosario Piccioni e Giusi Crimi, del presidente del Circolo tennis Lamezia Domenico Zoccali e del presidente onorario del circolo Mimmo Barbara. In particolare, il primo classificato (Antonio Pileggi) è stato premiato dal padre di Saverio, l’avvocato Tullio Calfa, mentre gli assessori Piccioni e Crimi hanno premiato il secondo classificato Francesco Staglianò, e i terzi classificati (ex equo) Enzo Conte (4.1) e Antonio Scaramuzzino (4.3). Nel corso della cerimonia, il Tc Lamezia ha consegnato una targa alla famiglia Calfa in memoria del figlio Saverio, mentre la famiglia del giovane avvocato scomparso prematuramente ha consegnato due targhe ai giovani atleti: una alla “rivelazione” del torneo, che è andata a Orazio Bertolami, e una per il miglior avvocato del torneo, che è stato Domenico Zoccali. Alla premiazione ha preso parte anche il presidente regionale della Federazione italiana tennis, che ha fatto i complimenti al circolo guidato dal maestro La Scala, sia per l’ottima organizzazione del torneo che per gli eccellenti risultati in campo agonistico che il circolo riesce ad incassare ogni anno.





Asa, primi effetti della “cura Scopelliti”: da lunedi tutte le prestazioni mediche a pagamento

22 09 2010

Una nota diffusa da Francesco Bilotta, presidente della sezione calabrese dell’Asa rende noto che “Da lunedì prossimo, 27 settembre, i cittadini calabresi dovranno pagare per intero le prestazioni sanitarie nelle strutture private accreditate, aderenti all’Asa Calabria, vale a dire nella maggioranza degli ambulatori di analisi, studi radiologici e specialistici accreditati delle province di Cosenza e Vibo Valentia ed alcuni dei più autorevoli della provincia di Reggio Calabria. Una decisione sofferta, questa, che si èresa, però, necessaria per il silenzio della Regione sul problema delle insufficienti risorse finanziarie da destinare alla salute dei cittadini. Quanto ha già stanziato la Giunta regionale è stato appena sufficiente a remunerare l’attività dei primi sei mesi di quest’anno. Da tempo va avanti un dialogo con la Regione che, pur avendo riconosciuto la nostra difficoltà a proseguire nell’assistenza sanitaria, non ci ha fornito risposte. Una conferma al fatto che la specialistica ambulatoriale accreditata in Calabria è da sempre economicamente sottovalutata, rispetto a quanto previsto dalle linee guida nazionali, di almeno il 40%. Per essere ancora più chiari, gli operatori privati calabresi, nel 2009, hanno erogato 12 milioni di prestazioni, a fronte degli 8 milioni delle strutture pubbliche, per un totale di 20 milioni. Se si pensa che la proposta di Piano Sanitario Regionale del 2006 programmava per quell’anno ben 24 milioni di prestazioni di specialistica ambulatoriale per la popolazione, è evidente che siamo sempre rimasti al di sotto di quanto previsto, con un risparmio già piuttosto notevole. Per questo motivo non riusciamo a comprendere perchè i tagli della Regione vengano indirizzati verso un settore sanitario che rispetta la programmazione, quando, invece, sono altri i settori che sforano le previsioni di spesa e su cui dovrebbe abbattersi la mannaia dei tagli. Di fatto stiamo da tempo finanziando il Servizio Sanitario Regionale anticipando tutti i costi dell’attività, gli stipendi, i reagenti, e tutto il resto. Non possiamo piu’ permettercelo. Non possiamo più garantire nè l’assistenza alla popolazione nè i livelli occupazionali delle nostre strutture. Quella del pagamento per intero delle prestazioni e’ una scelta a cui siamo costretti, ma che non vorremmo adottare”.





Al via la terza edizione della Fiera del Libro Calabrese

22 09 2010

Anche la Regione Calabria ha riconosciuto la validità ed il valore dell’evento culturale “Terza Edizione della Fiera del Libro Calabrese (o edito in Calabria) ” organizzata dall’ Associazione Sinergie Culturali, in collaborazione con la Libreria Biblos, ed infatti l’Ufficio Scolastico Regionale della Calabria ha concesso il suo autorevole patrocinio ed ha invitato tutte le scuole elementari e medie della Calabria a partecipare all’iniziativa ”Invito alla lettura – Un Editore, un Autore, un Libro per una Scuola”. “E’ una bellissima idea”, ha dichiarato il Presidente dell’Associazione Sinergie Culturali di Lamezia Terme, Don Natale Colafati. Si tratta, infatti, di avvicinare gli scrittori, e quindi i libri, alle scuole elementari e medie. Le case editrici che partecipano alla Fiera saranno inviatate a scegliere, insieme ai dirigenti scolastici ed ai relativi docenti, uno o più libri da esse pubblicati per presentarli in una o più scuole elementari e scuole secondarie di Primo Grado (scuole medie) di tutta la Calabria, possibilmente con la partecipazione dello stesso editore e dell’autore del libro. Le uniche spese per le case editrici saranno le spese di partecipazione alla presentazione del libro e un omaggio di tre copie del libro alla scuola che realizza il progetto; le scuole, invece, predisporrano l’incontro tra gli alunni e lo scrittore. ”Sarà anche indetto un concorso – ha proseguito Don Natale Colafati – ed ogni classe, nei primi mesi dell’anno scolastico 2010-2011, a conclusione del lavoro svolto sul libro presentato, dovrà produrre un elaborato scritto o un disegno o una recita registrata su supporto elettronico o altro ancora, e il tutto dovrà pervenire entro non oltre il 30 aprile 2011, pena l’esclusione, a: Associazione Sinergie Culturali – presso Libreria Biblos – Via Leonardo da Vinci n. 2 – 88046 Lamezia Terme CZ. Il segretario dell’Associazione, Pietro Rondinelli, ha così spiegato questo concorso : “Nella seconda metà del mese di maggio 2011, in una sala dove sarà esposto quanto inviato dalle scuole, sarà dato a tutte le classi l’attestato di partecipazione. Una commissione di esperti valuterà i materiali pervenuti, non in base ai contenuti ed al ‘valore’ del libro, ma alla creatività e significatività con cui è stato espresso il lavoro, assegnando valutazioni di merito e premi proporzionati ai primi tre classificati.

Ulteriori particolari si possono trovare sul sito http://www.fieradellibrocalabrese.org.





Crisi lavoro a Lamezia. Altre due imprese pronte a chiudere

21 09 2010

Così il deputato del PdL, Giuseppe Galati, ha descritto “una realtà produttiva in disfacimento e decine di famiglie che rischiano di essere ingoiate dalla crisi e da speculazioni imprenditoriali” nell’interrogazione rivolta al ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Maurizio Sacconi, chiedendo un impegno nella ricerca di possibili soluzioni sia sul fronte occupazionale che su quello produttivo

E’ lo specchio di una situazione altamente negativa che sta per colpire con tutta la sua forza dirompente il territorio di Lamezia Terme a causa dell’imminente e molto probabile chiusura definitiva di due aziende: Treofan e Lameskin. Così il deputato del PdL, Giuseppe Galati, ha descritto “una realtà produttiva in disfacimento e decine di famiglie che rischiano di essere ingoiate dalla crisi e da speculazioni imprenditoriali” nell’interrogazione rivolta al ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Maurizio Sacconi, chiedendo un impegno nella ricerca di possibili soluzioni sia sul fronte occupazionale che su quello produttivo.

Nell’interrogazione, Galati ha spiegato che la multinazionale Treofan è controllata dalla banca d’affari Goldman Sachs dall’aprile 2005, ed è leader mondiale nel packaging, l’impacchettamento di prodotti vari: sacchetti per la pasta e le caramelle, bottiglie per shampooe saponi, pellicole per prodotti alimentari freschi, vaschette per gelati e formaggi. Nei primi anni Novanta Treofan arrivò nell’area industriale lametina incassando circa 40 miliardi di vecchie lire con la legge n. 488 del 1992, per impiantare due fabbriche: Lamezia Speciality Film e Lameskin.

Questa – ha sottolineato Galati – è brevemente la storia di una realtà industriale che rischia di lasciare a casa decine di lavoratori. Sono in discussione due piccole realtà produttive della regione Calabria e dell’area industriale lametina con decine di lavoratori sui quali incombe la cassa integrazione e, nella peggiore delle ipotesi, il licenziamento e, soprattutto, il depotenziamento di un’area nata all’epoca della Sir negli anni ’70 che avrebbe dovuto catalizzare e irrorare l’intera economia regionale. Dal suo canto, l’azienda Treofan – secondo Galati – adducendo la crisi economica sta di fatto smantellando lo stabilimento, realizzato, tra l’altro, con soldi dei contribuenti, mirando a delocalizzare la sua produzione e non mantenendo fede a quelli che erano gli accordi per rilanciare l’azienda attraverso nuovi investimenti produttivi volti ad assicurare la continuità del lavoro e la relativa organizzazione. In questa delicata situazione emerge, in effetti, una nota dissonante che ha visto la Treofan negli anni ’90 appoggiarsi al finanziamento pubblico della legge n. 488 del 1992, per la ristrutturazione e la riconversione a fini industriali dello stabilimento in cui ha avviato la sua produzione, abbandonando i suoi propositi per logiche che – secondo Galati – appaiono prettamente speculative e legate a mancati ed adeguati margini di profitto.