Si rafforza il servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta

8 07 2010

Biopattumiere e buste biodegradabili, oltre al potenziamento del servizio “porta a porta”, con la diminuzione dei cassonetti per strada. Sono le novità del servizio rifiuti introdotte dal Comune attraverso l’area gestione del territorio che vuole dare una spinta ulteriore alla raccolta differenziata che funziona da tempo in diverse zone della città.
Il progetto è frutto della collaborazione tra Palazzo Maddamme e Multiservizi. Secondo il Comune «i buoni risultati raggiunti in questi anni, certificati dal dato ufficiale dell’Arpacal (l’agenzia regionale per l’ambiente), hanno portato la città della Piana a quota 20,52% come percentuale di raccolta differenziata, che è la più alta tra le principali aree urbane della Calabria».
Queste le ragioni che hanno spinto l’amministrazione comunale ad insistere e promuovere nuove iniziative nel settore dei rifiuti. Non a caso, infatti, il Comune ha ottenuto per il terzo anno consecutivo da parte della Regione un finanziamento che questa volta è maggiore rispetto al passato, ed arriva a un milione di euro. Questo grazie alla presentazione di un progetto per l’ulteriore ampliamento e potenziamento della modalità di raccolta differenziata dei rifiuti con la finalità di raggiungere percentuali di raccolta più alti.
La Multiservizi, operando in maniera strategica e sinergica con l’amministrazione comunale, in collaborazione con la cooperativa sociale Ciarapanì, ha avviato dallo scorso settembre un progetto pilota in una parte del quartiere di Sant’Eufemia, dove sono stati rimossi i cassonetti stradali per passare ad una raccolta “porta a porta” in tutte le frazioni dei rifiuti, non solo per quella cosiddetta organica (avanzi di cibi e roba biodegradabile), ma anche per il multimateriale (plastica e alluminio) e per la carta e il cartone.
In forma gratuita la Multiservizi ha messo a disposizione delle famiglie coinvolte nel progetto sacchetti blu di plastica per il conferimento del multimateriale, e buste bianche per la raccolta di materiale cartaceo.
«I risultati ottenuti», ha sottolineato l’amministrazione comunale, «hanno confermato le attese, premiando la bontà dell’iniziativa. Dopo una prima fisiologica difficoltà iniziale, dovuta al fatto che i cittadini dovevano abituarsi alla nuova metodologia di raccolta, il servizio ha preso gradualmente piede con conseguente aumento delle tonnellate di materiale differenziato raccolto in questa parte della città rispetto alle altre». Particolarmente significativo è stato definito l’aumento percentuale nella raccolta del multi materiale, che registra un +50% nel quartiere cittadino coinvolto in questo progetto.
L’avvio del progetto d’implementazione della raccolta differenziata “porta a porta”, approvato dal dipartimento politiche dell’ambiente della Regione con la firma della convenzione lo scorso 10 giugno partirà da questo mese e durerà fino al luglio del prossimo anno.
La prima attività d’incentivazione prevista dal progetto è quella di estendere il servizio a tutto il quartiere di Sant’Eufemia eliminando completamente i cassonetti stradali. L’estensione di questa modalità di servizio, secondo l’area gestione del territorio di Palazzo Maddamme, «dovrebbe essere messa a regime nell’arco del periodo estivo, e portare in breve tempo anche ad un risparmio per i cittadini virtuosi che si adopereranno nella differenziazione dei rifiuti».
Infatti, in questi ultimi anni, in accordo con i dettami dei bandi che hanno progressivamente finanziato l’estensione del servizio di raccolta differenziata, la tassa sui rifiuti è rimasta per i cittadini praticamente immutata. La tassa non ha subito nessun aumento, anzi si può affermare che sia diminuita considerando che non è stata neanche assoggettata all’adeguamento Istat, legato all’aumento del costo della vita. Inoltre alcune categorie disagiate hanno usufruito di un’esenzione totale.
In questi giorni verrà inviato a tutte le famiglie lametine, in forma gratuita, un opuscolo informativo sulle corrette modalità di differenziazione dei rifiuti. Gli abitanti di Sant’Eufemia riceveranno insieme all’opuscolo un ulteriore allegato in cui saranno riportate informazioni esaustive sulla modalità di ritiro dei rifiuti “porta a porta” con la conseguente e graduale abolizione dei cassonetti stradali.

Annunci

Azioni

Information

2 responses

9 07 2010
Danilo

era ora ma dovrebbero farla tutti pero’ ed eliminare man mano i bidoni…e soprattutto piu’ pulizia anche nelle strade…che figura ci facciamo con i poch turisti ke vengono qui…..

2 09 2010
massimo

Abito a sant’eufemia da un anno e di raccolta differenziata ne ho sentito parlare solo adesso che cerco di capire dove sono finiti i cassonetti della spazzatura. su altri articoli di giornali è menzionato questo problema e l’aspetto degradante che stà assumendo questo piccolo centro pieno di sacchetti sparsi per le strade. chi si è occupato di rimuovere i cassonetti poteva almeno lasciare qualche avviso e pulire gli spazi ad essi riservati. è rimasto qualche cassonetto in zone periferiche ed al momento utilizzo questi in attesa che qualcuno mi faccia sapere qualcosa. al call center prevedevano interventi brevi ma una settimana è già passata. saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: