Giovane romeno arrestato per tentativo di rapimento nei confronti di una connazionale 13enne

8 04 2010

Tenta di rapire una giovane ragazza rumena di etnia rom di appena 13 anni che aveva chiesto in sposa ma finisce in manette. Adesso le accuse contro di lui sono di tentato sequestro di persona e lesioni personali.
In carcere è finito un giovane di 19 anni, Nicu Memet. Ad arrestarlo sono stati gli agenti della polizia di Stato del commissariato lametino diretto da Pasquale Barreca.
Altri due rumeni, R.P. di 29 anni e I.P. di 32 anni, invece, sono stati denunciati, a piede libero. L’arresto e le denunce ruotano attorno ad una storia amorosa legata probabilmente alle usanze rom. Il giovane arrestato si era invaghito di una sua connazionale di soli 13 anni e voleva sposarla. Una richiesta non corrisposta dalla ragazza.
Da qui la scelta del giovane rumeno di mettere in atto un rapimento con la complicità di due suoi connazionali che sono stati denunciati. Il tentativo di rapire la ragazza, in ogni modo, non è andato in porto grazie alla reazione della stessa minorenne e dei suoi genitori.
Il giovane Nicu Memet è stato arrestato giovedì sera, intorno alle 21, quando due pattuglie della squadra volante dirette dal responsabile della Squadra di polizia giudiziaria Saverio Mercurio sono intervenute in Via Marconi, dov’era stata segnalata un’aggressione contro rumena minorenne.
Gli operatori di polizia appena intervenuti apprendevano dalla stessa ragazzina, che al momento dei fatti si trovava in casa insieme ai due fratellini più piccoli, che Memet poco prima aveva tentato di portarla via afferrandola per i vestiti e trascinandola per terra fino alla porta d’ingresso dell’abitazione. Un tentativo che è fallito grazie alla reazione della stessa ragazza che ha cominciato a gridare chiedendo aiuto con tutta la forza della disperazione che aveva. Una reazione che ha spinto l’aggressore a desistere dal suo tentativo, costringendolo ad allontanarsi.
Nel tentativo di rapimento la ragazzina ha riportato lievi contusioni. Le grida di aiuto oltre a mettere in fuga il suo spasimante sono state raccolte da qualcuno che ha immediatamente ha avvisato la polizia che giunta sul posto ha raccolto le dichiarazioni della vittima ed ha immediatamente avviato una serie di accertamenti che gli ha consentito d’individuare l’aggressore, che è stato subito dopo rintracciato e fermato.
Nel corso dell’attività investigativa gli agenti hanno inoltre accertato che prima del tentato sequestro della ragazzina il giovane rumeno arrestato, insieme ad altri due connazionali denunciati a piede libero, aveva aggredito anche i genitori della vittima che s’erano rifiutati di concedergli in sposa la loro figlia.
Dopo le formalità di rito, il giovane rumeno è stato rinchiuso nel carcere lametino di San Francesco ed ora si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria. Nei prossimi giorni ci sarà l’udienza di convalida dell’arresto.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: