In 20.000 a Lamezia per De Andrè. Serata magica

2 09 2009

<img alt="" src="http://www.melitoonline.it/wp-content/uploads/2009/08/Cristiano-De-Andre-300×285.jpg&quot; class="alignleft" width="300" height="285" /Oltre ventimila persone hanno gremito Piazza della Cattedrale e tutto Corso Numistrano di Lamezia Terme, per il concerto di Cristiano De Andrè accompagnato dai suoi strepitosi musicisti: Luciano Luisi, tastiere, Osvaldo Di Dio, chitarre, Davide De Vito, batteria, Davide Pezzini, basso. “De Andrè canta De Andrè”, il riuscitissimo omaggio di Cristiano al padre Fabrizio, a Lamezia ha fatto davvero il pieno, paralizzando il suggestivo centro storico della terza città della regione fino a tarda notte. Una straordinaria cornice di gente di tutte le età arrivata da ogni angolo della Calabria che, con il suo entusiasmo, ha fatto da autentico spettacolo nello spettacolo, scandendo ogni brano con lunghi applausi e cori calcistici. Il concerto, promosso da Wanda Ferro, Presidente della Provincia di Catanzaro ed organizzato dalla Show Net di Ruggero Pegna, si è così trasformato in una immensa festa nel nome di Fabrizio De Andrè, ricordato da Cristiano con simpatici e commoventi aneddoti, ma soprattutto con le sue canzoni. La marea di gente che ha invaso Lamezia ha confermato che la discografia di Fabrizio è diventata, ormai, vero patrimonio popolare, riuscendo a penetrare anche tra i giovanissimi che assiepavano il sottopalco come se si trattasse di un concerto rock. Con Cristiano De Andrè, la Deandrèmania è approdata a vero fenomeno di massa, per tanti inimmaginabile. E lui, consapevole di quanto gli stia accadendo non si è risparmiato, cantando e suonando di tutto, dal violino alle tastiere, per oltre due ore, fino al saluto finale insieme alla band, che ha somigliato tanto a quello dei calciatori vittoriosi sotto la curva. Il concerto è iniziato alle 22.00 in punto con “Mégu Megùn”, scritta in dialetto genovese con Ivano Fossati ed è poi proseguito con alcuni storici brani, tra cui “Don Raffaé”, “Andrea”, “Creuza De Ma”, “Oceano”, “Amico Fragile”, “Quello che non ho”, “Fiume San Creek”, “La canzone di Marinella”. Un susseguirsi di emozioni ed un crescendo di entusiasmo che, al bis con “Il Pescatore”, è letteralmente esploso, tanto da richiamarlo per un altro brano fuori programma. Le immagini dell’immensa distesa di pubblico in delirio, tutti a ballare e cantare a mani alzate, resteranno per molto tempo nei ricordi di chi ha partecipato. Una notte indimenticabile, che ha consacrato definitivamente il ritorno di Cristiano De Andrè sul palcoscenico della musica d’autore italiana. Ad undici anni dalla morte di Fabrizio, Cristiano è stato accolto in Calabria in modo trionfale. Al termine, oltre un’ora di foto ed autografi e cena nel centro storico insieme ai musicisti, alla soddisfattissima Wanda Ferro ed al promoter Ruggero Pegna che a Rende, nel giugno scorso, ha confezionato l’anteprima nazionale di questo fortunato tour. “Tornerò a fine gennaio, qui mi trovo benissimo!” Ha assicurato Cristiano, suggellando così il grande feeling instaurato con la Calabria.

da http://www.ruggeropegna.it


Azioni

Informazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: