I ROM attivi con furti e richieste di denaro

30 06 2009

Senza voler in alcun modo essere razzisti vorremmo sollevare un problema noto ai cittadini ma mai probabilmente affrontato nel modo adeguato e soprattutto risolutivo dalle istituzioni e dalle forze dell’ordine.
Nelle ultime ore quasi per caso ci siamo imbattutti in almeno 4 concittadini coinvolti in un furto della loro auto e la conseguente quasi immediata richiesta di denaro per la restituzione della stessa.

In molti casi il cittadino onesto decide di pagare e di non denunciare. Il rischio è una denuncia per favoreggiamento se non peggio, ma oltre a quedto rischio, c’è una sensazione di impotenza e di insicurezza e soprattutto una amara constatazione, ancora, della distanza dallo Stato….

Al momento ci fermiamo a questa semplice raccolta di informazioni e a queste prime veloci e probabilmente superficiali considerazioni.

Chiediamo a tutti i lettori di farci conoscere le proprie storie in modo da riuscire ad informare al meglio gli altri Cittadini sulle modalità di queste alquanto fastidiose attività criminali.
A breve torneremo sull’argomento con rendiconti più approfonditi e magari qualche dettaglio più approfondito ed utile anche alle forze dell’ordine.

Vedremo cosa ne uscirà, voi dateci una mano!





Presentazione Demofest 2009

30 06 2009

Domani si terrà la conferenza stampa di presentazione del “LAMEZIA DEMOFEST 2009 – The best of the year” – IV edizione del Festival/Fiera della Nuova Musica del Mediterraneo e finale nazionale di “Demo l’Acchiappatalenti” di Rai Radio Uno, organizzazione Comune di Lamezia Terme e Show Net srl, in collaborazione con Assessorato al Turismo Regione Calabria, Provincia di Catanzaro, Camera di Commercio di Catanzaro, Lamezia Multiservizi, alle ore 12.00 presso la Sala delle Riunioni del Comune di Lamezia Terme in via Perugini. Parteciperanno il Sindaco, Autorità Regionali e Provinciali.





Approvato il bilancio della SACAL

30 06 2009

(ASCA) – L’assemblea dei Soci Sacal (riunitasi a grande maggioranza, col 91% del capitale sociale rappresentato) ha approvato, all’unanimita’, il Bilancio d’esercizio 2008, che chiude un anno positivo per l’aeroporto di Lamezia Terme e la sua Societa’ di gestione, con incrementi di voli e passeggeri, attivazione di nuove destinazioni, assunzione di nuovo personale, opere infrastrutturali portate a compimento, potenziamento e avvio di nuovi servizi, e in generale, come ha avuto recentemente modo di affermare lo stesso presidente nazionale di Enac, Vito Riggio, con una ”gestione virtuosa” che ha visto lo scalo impegnare tutte le risorse a disposizione per il suo sviluppo.

Il bilancio chiude in attivo di 200 euro: un risultato economico solo apparentemente esiguo, ma significativo se rapportato al 2008 quale grave periodo di crisi che ha contraddistinto pressoche’ ovunque il settore dell’aviazione commerciale, e che ha visto la quasi totalita’ degli scali italiani in arretrato in termini di volumi di traffico e coi conti in rosso per quanto riguarda appunto i bilanci aziendali. E dato ancora piu’ rilevante, se si tiene conto che l’utile ha dovuto far fronte, e assorbire, consistenti perdite pregresse (oltre 600 mila euro); aumentati costi per esempio della sicurezza, dell’elettricita’, dei servizi antincendio e del personale (in totale, oltre 1 milione 500 mila euro); e un leasing di 500 mila euro.





Saluto di Ruggero Pegna al Peter Pan nero Michael Jackson

26 06 2009

Era la tranquilla sera del 4 luglio ’92. David Zard mi aveva invitato ad assistere al concerto più spettacolare del mondo. Detto da lui c’era da crederci. Michael Jackson non era uno qualunque e certamente ci sarebbe stato da divertirsi. Poi, avevo già organizzato Spandau Ballet, Santana, Tina Turner, Sting e coltivare un altro sogno calabrese non mi dispiaceva affatto. Il Flaminio era circondato da file di ragazzi con panini e zainetto, alcuni seguiti da genitori con cravatta e giornali. Era il primo concerto con biglietto elettronico. Tutto, ma proprio tutto, davvero speciale. La magia della sua musica aveva contagiato gente di tutte le età, per nulla preoccupata dal titolo dello show: “Dangerous World Tour”. Jackson l’aveva chiamato così, anche se di veramente pericoloso o rischioso ci fossero solo le urla delle ragazzine, almeno per i timpani. Il Peter Pan nero, come lo aveva definito qualcuno, arrivò puntuale sotto una pioggia di fuoco, accompagnato dalle note dei Carmina Burana. Ci inzuppammo subito di scroscianti emozioni. “Fantasmagorico, maestoso, formidabile!” In tribuna giornalisti e colleghi facevano a gara a trovare l’aggettivo giusto. Lui, piccolo e sempre meno nero, in fondo un uomo normale, in mezzo a quel palcoscenico che definire solo ciclopico potrebbe non dare l’idea di quanto fosse grande, cantava e ballava, tra passi da Broadway ed improvvise accelerazioni di dance metropolitana, quella che lui aveva inventato. Mi sembra di averlo ancora davanti. In ogni brano lo spettacolo incanta, la musica stordisce, gli effetti gelano. I ragazzi fanno “oh” per davvero ad ogni cambio di scena. Sparisce sotto una coperta come in un giochino di prestigio in “”Working day and night”, divide in due il palco in “Thriller”, gonfia il più grande mappamondo mai visto mentre decine di bambini cantano “Heal the World”. “Salviamo il mondo!” Sì, perché Michael amava la vita e combatteva per cause umanitarie di ogni tipo. Un Peter Pan nero, sempre meno nero, in volo con la sua musica nell’immaginario di grandi e piccini. Il pubblico lo amava anche per questo. Quella notte romana si riempì della sua gioia di vivere e della sua musica senza tempo. In mezzo a tutte quelle sorprese da far sbarrare gli occhi, arrivarono i sui tanti “hit” per gli orecchi e la pelle, da “Smooth criminal” a “I just can´ t stop loving you”, da “Billie Jean” a “Beat it” e “Man in the mirror”, fino a qualche omaggio ai suoi Jackson Five, al suo io rimasto sempre bambino. Per oltre due ore la realtà restò fuori da quello stadio, trasportato nello spazio come una grande astronave con quarantamila persone a bordo. La conclusione ipertecnologica, da sbarco sulla luna, strappò qualche lacrima a tanti. Michael, o probabilmente una sua controfigura, volò via dal palco spinto verso il cielo da razzi simili a quelli di James Bond. Alzammo tutti gli occhi per seguirlo, illuminato da un fascio di luce, fino a sparire. Oggi le lacrime sono riapparse improvvise negli occhi di chi, con la sua musica, ha vissuto avventure e amori, storie, notti d’estate in discoteca o in riva al mare, in auto o sotto l’ombrellone. Sono riapparse negli occhi di chi, solo nella sua stanza, ha qualche volta provato ad imitarne i passi. Questa volta a volare in cielo non c’era una controfigura, ma il Michael vero, quello pieno di paure e di umanità, quello che ci farà alzare gli occhi, non per un nuovo effetto speciale, ma perché sarà lì, sopra di noi, a brillare come una stella vera. Questa notte Michael, il Peter Pan nero, ha terminato il suo più grande concerto ed è volato via davvero.

Ruggero Pegna





Incidente stradale (a causa del maltempo?), coinvolta ancora una ragazza

25 06 2009

Una ragazza di 26 anni, I. V. di Sambiase, è rimasta ferita ieri pomeriggio in un incidente stradale che si è verificato lungo la strada provinciale che collega il Bivio Caronte a Sant’ Eufemia Lamezia.
L’incidente è accaduto subito dopo pranzo, probabilmente nel pieno del nubifragio che ha copito la Piana, all’altezza della curva di Sant’ Eufemia Vetere.
La macchina della giovane, una Citroen C2, che procedeva in direzione Sud, per cause in corso di accertamento, è sbandata finendo la sua corsa nella scarpata sulla sinistra della corsia.
Le condizioni della ragazza che ha riscontrato delle leggere ferite alla testa non destano preoccupazioni.I soccorsi sono stati prestatiquasi immediatamente da un equipe del 188 che ha provveduto a trasportare la malcapitata al pronto soccorso dove i medici di turno del pronto intervento hanno prestato le prime medicazioni.
In seguito ai primi rilievi effettuati da una pattuglia della locale compagnia carabinieri, l’incidente potrebbe essere stato provocato dalla stessa ragazza la quale, mentre percorreva via Cappello, in direzione S. Eufemia Lamezia, per cause in corso di accertamento, ma come detto probabilmente a causa della fortissima pioggia che toglieva la visibilità sull’intero territorio della Piana, sbandava perdendo il controllo della guida.Oltre ai Carabinieri, sono intervenuti anche gli uomini del Corpo Forestale e della Protezione Civile che hanno collaborato nell’effettuare i rilievi tecnici e soprattutto nel regolare il traffico veicolare.





Da Lamezia alla conquista del Mondo. Al World Flutes Festival 2009 Francesco Mannis

25 06 2009

Il Duo Euterpe, unica presenza europea in Argentina al World Flutes Festival. La Pianista spagnola Elena Aguilar Gasulla (Morella-Castellón, 1979) e il flautista italiano Francesco Mannis (Lamezia Terme, 1982) sono l’unica formazione europea selezionata per partecipare all’evento internazionale che avrà luogo a Mendoza (Argentina) dal 24 al 27 settembre 2009. Il Festival è organizzato dalla fondazione Amuki con il fine di utilizzare la musica quale veicolo di collaborazione internazionale e scambio socio-culturale.
E il Duo Euterpe, in questa ottica, apporterà il suo contributo con l’interpretazione di un repertorio originale per Flauto e Pianoforte. “Siamo molto contenti di poter partecipare al World Flute Festival perché, oltre a quello che rappresenta l’esperienza musicale in sé, è una grande opportunità per relazionarsi con musiche e musicisti provenienti da culture diverse con i quali scambiare idee ed esperienze”, hanno spiegato i due artisti.

I protagonisti: Elena Aguilar ha conseguito i Titoli Superiori di Pianoforte, Musica da Camera e Teoria-Trasposizione-Solfeggio presso il Conservatorio del Liceo de Barcelona. Attualmente, vincitrice del concorso, insegna Pianoforte presso il Conservatorio di Castellón. Francesco Mannis ha conseguito il Diploma di flauto con lode, Diploma Accademico di secondo livello In “Musica, scienza e tecnologia del suono” e Diploma Accademico di secondo livello con valore abilitante all’insegnamento presso il Conservatorio di Vibo Valentia. È insegnate di Flauto nelle scuole secondarie di primo grado ad indirizzo musicale e membro dell’Interational Chamber Ensamble Orchestra. Il nome Euterpe è stato scelto dal duo in onore della omonima dea della
musica.





Nubifragio sulla Piana di Lamezia

24 06 2009

Un nubifragio si è abbattuto su Lamezia Terme facendo anche parecchi danni. I Cittadini se ne sono accorti anche per i veri e propri fiumi d’acqua che dopo pochi minuti dall’inizio della pioggia hanno invaso le arterie principali della Città bloccando la circolazione, soprattutto a ridosso dell’apertura dei negozi e delle attività commerciali. La pioggia che in realtà sta scendendo sulla Piana quasi ininterrotamente da 48 ore, è diventata sempre più intensa ed a carattere quasi alluvionale a partire dalle 14.20. Da quel momento in poi ha creato notevoli disagi e allagamenti di abitazioni ed esercizi commerciali, oltre ai problemi sulle condotte fognarie con diversi tombini saltati. Per i necessari interventi sono stati utilizzati sia i vigili del fuoco di Lamezia che quelli del Comando provinciale di Catanzaro, che hanno operato per liberare gli immobili dall’acqua piovana.